gravidanza regency

La gravidanza in epoca Regency

La gravidanza in epoca Regency

La gravidanza in epoca Regency era una questione di vita o di morte per le donne, sotto molti punti di vista. Vero è che i bambini nascono da millenni, ma la sicurezza, per quanto accresciuta negli ultimi cento anni, non è mai totale: in epoca Regency, a maggior ragione, partorire – anzi, aspettare un bambino – era questione perigliosa, tanto  che secondo alcuni studiosi uno dei motivi che ha spinto Jane Austen a non sposarsi sia stato vedere i risultati della gravidanza delle sue cognate: in particolare, Anne, la moglie di James, muore di parto nel 1795.… Continua...

pride and prejudice 1995 allison steadman x 450

Le madri in Jane Austen

Le madri in Jane Austen : le calamità si chiamano “Madri”

3000580230_261ac573e7

Madri. Madri per tutti i gusti, in Jane Austen. Per la festa della mamma, voglio portare un po’ di consolazione nelle case di quelle donne, che, come me, non si sentono a loro agio col modello di mamma all’italiana. O con quello perfetto all’americana. O in generale, coi modelli che vogliono anche nella maternità la donna ad alta performance.

Grazie Jane. Aiutaci tu a sentirci meglio!

Se oggi tutto questo ringraziare le mamme per lo splendido lavoro, l’affetto, il sostegno, l’abnegazione e il sacrificio vi da sentire inadeguate, consolatevi: ci sono madri peggiori.… Continua...

due

Erika Zerbini e Giulia La Face: il tè del venerdì

Erika Zerbini e Giulia La Face, mamme e autrici.

teaaQuesto venerdì è un po’ speciale. Parleremo di libri, e vi presenteremo in anteprima un’opera che uscirà nelle prossime settimane, ma quest’oggi il salotto sarà dedicato a due amiche che collaborano come me al blog multiautore Cultura al femminile, dedicandosi in particolare alle tematiche legate alla maternità e alla vita coi figli.

Sono mamme social, multitasking, piene di entusiasmo, che hanno accettato la sfida dei tempi e si sono messe in gioco, condividendo le loro esperienze non solo nei social, ma soprattutto nei libri di cui parleremo oggi insieme.… Continua...

mimosa 673238 960 720

Donne e mamme: la mia mimosa

Donne e mamme: un pensiero per l’8 marzo

donne mimosa 8 marzo

Donne e mamme, oggi è un binomio sempre meno scontato.

Le donne, in questi giorni sono argomento di discussione per tanti motivi: incombe l’8 marzo, ma non è solo questo che fa tanto parlar di noi.

Uteri in affitto, coppie di fatto, diritti di tutti e di nessuno.

Di donne, oggi, parlo anch’io, e ancora nell’aspetto che più mi appartiene, la maternità.

Scrive Natalia Aspesi:

La libertà di non fare figli è la più grande conquista femminile.

Continua...
3588772325 acf4550824 b

Depressione post partum: quando la mamma non funziona

La depressione post partum

Quando la mamma non funziona.

Depressione post partum. Perché parlarne oggi

Ho deciso di parlare ora di depressione post partum per inaugurare una serie di articoli dedicati alle donne, in prossimità dell’8 marzo.

mamma mamme maternitàNiente di eclatante, solo la presa di coscienza che come scrittrice finora non ho fatto altro che occuparmi di vari aspetti del mondo femminile, di aver sempre costruito nelle mie storie donne che desideravano essere raccontate. Di donne, perciò, parlerò questa settimana. Cominciando con un aspetto che fa prepotentemente parte della mia vita: la maternità.… Continua...

12660406 10205456994200164 1446392313 n

Emma Fenu, “Vite di madri”: il tè del venerdì

Il tè del venerdì: intervista a Emma Fenu

il tè del venerdì

Per “Il tè del venerdì”, oggi al suo secondo appuntamento, ho il piacere di ospitare Emma Fenu, scrittrice, iconografa e Presidente di Cultura al Femminile, insieme al suo libro “Vite di Madri, storie di ordinaria anormalità”.

emma fenu vite di madriCiao Emma e benvenuta su questo blog.

So che da tempo vivi a  Copenaghen, eppure sei molto impegnata, in Italia, a livello culturale. Vorrei che cominciassi col raccontarci qualcosa di te e della tua vita.

Ciao Antonia, grazie dell’ospitalità, sono felicissima di essere nel tuo bel salotto tinteggiato di fresco.… Continua...

Le mamme di oggi: ritratto di signore

Mamme oggi: ritratto di signore

mamme mammaCome sono cambiate le mamme di oggi

Premetto: non sono una mamma moderna.

La mia esperienza è un po’ particolare: quando vado in giro con la mia figlia maggiore passo per una mamma giovane e mi sento tutta felice. Quando porto a spasso il piccolino, il mio terzo, che definisco “il figlio della vecchiaia”, ho sempre il terrore che qualcuno mi scambi per la nonna.

E poco ci manca, se non mi faccio la tinta ed esco così come son conciata fra le mura di casa.… Continua...

halloween 959049 960 720

Halloween o Ognissanti?

Halloween o Ognissanti?

halloweenUn bel dilemma: festeggiare o non festeggiare? Lasciarsi trasportare dal gioco del terrore o prendere dalla nostrana tradizione religiosa soltanto? A quali valori dare importanza? È vero che permettere ai bambini questi festeggiamenti apre le porte a un neo paganesimo?

Halloween, questo sconosciuto.

Le mamme della mia età lo sanno bene, Halloween non c’è sempre stato, qui da noi.

Quando al cinema tanti anni fa arrivò E.T. ricordo che mi lasciò molto perplessa quello “strano carnevale” che i bambini festeggiavano per la strada e in autunno.… Continua...

Da Genova a Roma 225x300 e1437117908131

Famiglia: digressioni e riflessioni

Famiglia: perché parlarne oggi

 

Il 20 giugno le famiglie scenderanno in piazza, a Roma, per una manifestazione che sta facendo discutere. Ma cosa ha portato la famiglia a manifestare? Che cosa sta succedendo nelle scuole, nella società e persino in rete?

Famiglia: digressioni

Un paio di giorni fa, su Facebook, la scrittrice Tiziana Cazziero ha scritto un post in un gruppo, fra l’altro creato e gestito da lei, dove molti autori si incontrano e parlano dei loro libri. Fin qui, niente di strano.… Continua...

pen 631332  180

Scrivere è magia?

scrivere trama scrittura scrittoriÈ ancora notte. In questo lungo, freddo gennaio a volte ho l’impressione che il sole non sorga mai, anche nelle migliori e più luminose giornate. A volte sono così presa da ciò che devo fare, che arrivo a sera senza essermi neppure guardata allo specchio, senza aver alzato gli occhi al cielo per incontrare una nuvola o un raggio di sole.

Sempre a testa china, sempre con l’ansia di non fare bene, di non seguire bene, di perdere qualche cosa di fondamentale.… Continua...