Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / il contenuto contrassegnato come “% SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

L'anello di fidanzamento in epoca vittoriana - tradizioni e curiosità

L’anello di fidanzamento in epoca vittoriana

Antonia Romagnoli

Created with Sketch.

L’anello di fidanzamento in epoca vittoriana

6 min di lettura

L’anello di fidanzamento in epoca vittoriana

L’anello di fidanzamento è una tradizione antichissima, per una volta non inventata in epoca vittoriana.

Si può risalire alla tradizione di donare un anello alla futura moglie con sicurezza già dall’epoca romana, ma è probabile che si usasse anche prima.

Alle fidanzate romane si regalavano addirittura due anelli, uno d’oro, per uscire, e uno in ferro da portare durante le attività quotidiane.

L’anello di fidanzamento in epoche successive ebbe alterne vicende, ma non sembra fosse utilizzato da tutti, indistintamente: nel 1477, l’arciduca Massimiliano d’Austria commissionò il primissimo anello di fidanzamento con diamante mai registrato per la sua promessa sposa, Maria di Borgogna. Questo prezioso dono rese particolarmente popolari gli anelli di diamanti tra l’aristocrazia e la nobiltà europee. Si trattava comunque di doni che si permettevano solo i più ricchi, le fidanzate povere si accontentavano della promessa.

L'anello di fidanzamento in epoca vittoriana

Il Claddagh ring – anello di fidanzamento e oltre

Il Claddagh ring è un anello dalla forma unica e riconoscibile, tipico della tradizione irlandese.

Si tratta di un anello formato da due mani che reggono un cuore incoronato e può essere costituito di metalli più meno nobili, adornato o meno di pietre preziose.

Il Claddagh ring fi forgiato per la prima volta nell’omonimo villaggio nei presso di Galway, intorno al XVII secolo e da allora è divenuto sempre più popolare, in Irlanda e oltre.

Il disegno delle mani giunte appartiene a una tipologia di anello molto più antica: era foggia diffuso in epoca romana e molto amato in quella medievale. Gli anelli fede (da cui supponiamo arrivi poi il termine moderno di “scambiare le fedi”) rappresentavano, più o meno stilizzate, delle mani unite a simboleggiare l’unione, la fedeltà, e in seguito la fede appunto. In epoca romana, più probabilmente, rappresentavano due mani giunte per sancire un patto: l’impegno preso dai due fidanzati.

L'anello di fidanzamento in epoca vittoriana

Un forte simbolo di legame, dunque, che nella versione Claddagh si arricchisce di ulteriori particolari, col cuore e la corona: un dono che rappresenta un affetto puro e perfetto, coronato dalla lealtà. Manon necessariamente l’amore sponsale, tanto che può anche essere un dono da madre a figlia per la maggiore età.

Il Claddagh ring, in effetti, poteva essere donato come pegno di amicizia e fratellanza, come anello di fidanzamento e poi diventare anello nuziale.

Scoperto dai vittoriani negli anni ’30 dell’800, è stato riscoperto nel ventesimo secolo ed è diventato un souvenir molto ricercato, o un dono considerato ricco di simboli.

Secondo l’autore irlandese Colin Murphy, un anello Claddagh è stato indossato con l’intenzione di trasmettere lo stato sentimentale di chi lo indossa:

Sulla mano destra con la punta del cuore verso la punta delle dita: chi lo indossa è single e potrebbe cercare l’amore.

Sulla mano destra con la punta del cuore verso il polso: chi lo indossa è in una relazione; qualcuno “ha catturato il loro cuore”

Sull’anulare sinistro con la punta del cuore verso la punta delle dita: chi lo indossa è impegnato.

Sull’anulare sinistro con la punta del cuore verso il polso: chi lo indossa è sposato.

L'anello di fidanzamento in epoca vittoriana

L’anello di fidanzamento in epoca vittoriana – la regina Vittoria

La regina Vittoria, salita al trono diciottenne, aveva il privilegio di “scegliersi un marito”, ossia secondo le regole, toccava a lei, essendo di rango più alto in assoluto nel regno, mostrare al futuro sposo il suo desiderio di sposarsi. Un fatto unico e raro, in un Paese dove le donne potevano a malapena avere voce in capitolo su chi sposavano… questo significava che poteva sposarsi per amore, anche se la ragion di stato era al primo posto dei criteri che la fanciulla regale doveva utilizzare. Fu fortunata e donò il suo cuore all’uomo giusto per lei e per l’Inghilterra. Albert era un principe tedesco, parente alla lontana, ma non troppo, della regina e il loro affetto fu sincero per tutta la durata del matrimonio.

Il patto di fidanzamento fu sancito col dono dii un anello che Albert donò alla fidanzata, un anello che fece scuola e storia.

Se vi state immaginando un diamante rosa a forma di cuore, avete sbagliato: era a forma di serpente in oro giallo, tempestato di diamanti, con la testa di smeraldo e rubini al posto degli occhi. Un pegno d’amore che a noi oggi pare strano, ma che aveva un significato simbolico di eternità e amore imperituro. E così il serpente per un po’ è stato il protagonista degli anelli di fidanzamento per buona parte dell’800, in forme più o meno stilizzati.

La scelta delle pietre non era casuale: lo smeraldo era considerato da Vittoria il suo colore portafortuna.

Scopri di più sul fidanzamento in epoca vittoriana!

Gli anelli di fidanzamento in epoca vittoriana

La fantasia degli orafi in epoca vittoriana non ha certo limiti, così come quella di fidanzati e fidanzate.

Fra i più amati sono gli anelli a forma di fiore, montature a rosetta, ma entrano in voga anche anelli particolari, chiamati “dearest” o “regards”.

L'anello di fidanzamento in epoca vittoriana

Anelli acronimo

Questi anelli hanno la caratteristica di essere abbelliti da pietre preziosi le cui iniziali formano, appunto, l’una o l’altra parola:

diamond

emerald

amethyst or alexandrite

ruby

emerald

sapphire

topaz OR tanzanite

Oppure, “regards”

ruby

emerald

garnet

amethyst

ruby

diamond

sapphire

O ancora, “Love”

Lapis-lazuli,

Opal,

Vermeil (oggi è granato)

Emerald.

E perché non anche… “adore”?

Amethyst,

Diamond,

Opal,

Ruby

Emerald.

Insomma, anelli preziosissimi, colorati e “parlanti”.

L'anello di fidanzamento in epoca vittoriana

Le pietre e il loro significato

Non solo per formare le iniziali: in epoca vittoriana la scelta delle pietre preziose per la gioielleria non era casuale.

Per dir la verità, a rendere particolarmente popolari i diamanti come pietra per anelli di fidanzamento è stata la scoperta, a fine 1800, di grandi giacimenti in Sudafrica.

Nel 1886, negli Stati Uniti, Tiffany lanciò il modello che diventerà nel tempo il più apprezzato fra tutti: il solitario, con un diamante a taglio brillante incastonato su una montatura di oro bianco o giallo.

Il diamante comunque era perfetto per simboleggiare eternità, purezza, sentimenti duraturi.

Il rubino grazie al suo colore rosso, è da sempre una pietra preziosa “regale”, presente sui gioielli e sulle corone come simbolo del sangue di Cristo. Ma non solo: il rosso, colore della passione e dell’amore, viene apprezzato come pegno d’amore.

Lo smeraldo è una pietra che porta fortuna, ed era una delle più utilizzate sugli anelli di fidanzamento, insieme allo zaffiro, che simboleggia la felicità e la pace interiore.

Posey Ring – gli anelli di fidanzamento di epoca vittoriana latori di messaggi

Posey ring, anelli con incisioni nascoste o interne, erano amati in epoca vittoriana. Oggi nelle fedi nuziali si incidono il nome degli sposi e la data delle nozze, nei posey ring si trovavano scritte di ogni genere, dalla manifestazione d’amicizia al pegno d’amore.

L’altro lato della medaglia erano gli anelli da lutto: l’epoca vittoriana, per quanto riguarda la gioielleria, è divida in tre peridi ben distinti, ciascuno collegato a un momento della vita della Regina. Ma ne parleremo!

Scopri altro sulle tradizioni vittoriane!

La donna nell’800:  la società, la cultura e le aspettative

Il matrimonio vittoriano, la tradizione e le regole

Il matrimonio ai tempi di Jane Austen

Il matrimonio in epoca Regency

La sposa o non la sposa? Le dichiarazioni d’amore Regency &  Victorian

>Alcune fonti

https://jewellerydiscovery.co.uk/knowledge/hidden-meaning-and-acrostic-antique-victorian-jewellery/

https://www.gemsociety.org/article/victorian-period-jewelry-1837-1860/

https://diamondfoundry.com/blogs/the-foundry-journal/jewelry-in-the-victorian-era

https://www.victorbarbone.com/pages/queen-victoria-engagement-ring

 

Colin Murphy e Donal O’Dea. (2006)The Feckin ‘Book of Everything Irish, Barnes & Nobles

https://www.antiquetrader.com/collectibles/polish-up-on-the-history-of-the-engagement-ring

https://www.sellingantiques.co.uk/279938/victorian-emerald-diamond-ring-c1850/ (immagine)

https://etsy.me/2ZJDf9c (immagine)

 


 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per il suo funzionamento, per scopi analitici e per migliorare l’esperienza di navigazione. Google adsense inserisce banner pubblicitari. Proseguendo la navigazione si accetta la loro presenza.

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / il contenuto contrassegnato come “% SERVICE_NAME%” utilizza i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie.