I regali di Natale nella Reggenza e nel periodo Vittoriano.

I regali di natale in epoca regency  e vittoriana: ieri, oggi, domani, nel periodo delle feste ci aspettiamo “un pensiero” dalle persone che ci vogliono bene, ma soprattutto ci impegniamo, più o meno volentieri a trovare il dono giusto per loro.

I regali di natale in epoca regency

La tradizione natalizia inglese rimane più o meno invariata fino all’epoca vittoriana, quando, come evidenziato in altri articoli, l’influenza del principe Albert conduce in Inghilterra nuove tradizioni, come l’albero di Natale.
Sebbene i regali non fossero l’obiettivo principale del periodo natalizio in età della Reggenza, i regali venivano comunemente scambiati, anche se si trattava di piccoli oggetti spesso di poco valore.
I giorni preferiti per scambiare visite e regali (nella classe abbiente) erano il giorno di san Nicola, Natale e la dodicesima notte: quest’ultima è ancora oggi, per esempio, la datata tradizionale in Spagna per lo scambio dei regali.
Il giorno di San Nicola, il giorno di Natale, il Santo Stefano e la dodicesima notte erano i giorni più probabili per lo scambio di regali, secondo tradizioni più antiche i regali si aprivano a Capodanno, come giorno beneaugurale.
A Christmas Carol – i canti di Natale in epoca vittoriana

Il galateo dei regali in epoca regency e vittoriana

Ve lo devo proprio dire io che le ragazze nubili non si scambiavano doni con giovanotti, che donne sposate non facevano doni ad altri uomini, idem i mariti. Il capofamiglia andava sempre e comunque omaggiato, ma dagli uomini delle altre famiglie imparentate.
Anche fra amici e familiari si scambiavano regali: era consentito fra consanguinei, sposi, fidanzati. Questi doni erano generalmente di natura più personale rispetto ai doni obbligatori.

Regali di ringraziamento

Anche le persone di ceto più basso talvolta offrivano piccoli doni ai superiori di rango, per esempio rami di agrifoglio e vischio, oggetti artigianali….. un candelaio poteva regalare per esempio candele ali migliori clienti, ecc. Lo stesso avveniva nelle campagne: i possidenti ricevevano omaggi dal raccolto, così come i medici e i pastori.

Firstchristmascard
Firstchristmascard

I regali in epoca regency e vittoriana: le donne e l’home made

le donne trascorrevano l’anno a preparare regali di Natale, fatti con le loro mani, con materiale più o meno prezioso.

C’erano riviste apposite che spiegavano come decorare oggetti o davano idee per lavoretti graziosi.

fra i regali più frequenti c’erano fazzoletti ricamati, scialli, sciarpe, coperte, polsini, pizzi… I ricami prevalevano su tutto ed erano per esempio apprezzate pantofole, ventagli ricamati.

Non solo le abili con l’ago potevano farsi apprezzare: molte, in grado di destreggiarsi come artiste, donavano dipinti, miniature. Dalle riviste alla realtà prendevano corpo scatole con decoupage e altri oggetti decorati.

Fra  gli acquisti destinati ai maschietti c’erano tabacchiere di tutti i pezzi, capi d’abbigliamento non troppo intimi (sciarpe, guanti). Poi passando a doni impegnativi, si potevano fare soste in gioielleria, da modiste, dai profumieri.

fino alla diffusione dei libri a prezzo abbordabile, regalare libri era molto costoso, ma completi da scrittura erano molto graditi: penne, calamai, carta, tamponi e anche la base, di solito in pelle, per facilitare la scrittura. con il diminuire del prezzo dei libri, le librerie divennero una meta fra le favorite, per regali di grandi e piccini.

Gli spartiti, per lo stesso motivo, fino all’età vittoriana erano ricopiati a mano da solerti musiciste e donati alle amiche.

regali in epoca regency

Arriva l’epoca vittoriana

Il dono divenne più diffuso verso la fine del periodo della Reggenza e nel periodo vittoriano. Siamo all’inizio dell’epoca commerciale: i biglietti d’auguri girano per l’Inghilterra al costo di un penny, e tante aziende iniziano a invadere il mercato del regalo natalizio. Gli inserzionisti iniziarono a pubblicare annunci sui periodici che suggerivano nuove idee per i regali. Una pubblicità del 1814 pubblicata nell’archivio di Ackermann suggeriva che l’acquisto di corsetti e balconcini brevettati di Marston, progettati per supportare comodamente i deboli e i debilitati, fosse un regalo più adeguato per i propri genitori.

L’albero di Natale e i regali in epoca regency e vittoriana

per quanto riguardava invece i bambini,, in epoca vittoriana si consolida una tradizione attesissima.

L’albero, vero (ma qui vi rimando all’articolo corrispondente), entrava nelle case alcuni giorni prima di Natale e restava spoglio o con le decorazioni semplici, come i festoni.

solo dopo cena, i bambini venivano fatti uscire dalla stanza e gli adulti cominciavano il lavoro importante di decorare l’albero con le palline, altri decori, ma soprattutto con le cornucopie piene n di dolci e coi regalini più piccoli dei bambini. Bamboline, trombette, diventavano parte delle decorazioni.

La parte complicata era quella delle candele, perchè un bambino arrosto per Natale può essere dono gradito solo a Krampus….

regali in epoca regency e vittoriana
pinterest

https://www.historic-uk.com/CultureUK/A-Georgian-Christmas/

 

Pubblicità

Related Posts