Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

Henry Meynell Rheam – la pittura dei sogni

Un pittore poco noto, dal cuore preraffaellita e dal tocco realista.

Henry Meynell Rheam fu un pittore e illustratore che dipinse fra l’epoca vittoriana ed edoardiana, le cui ispirazioni furono molto vicine al secondo movimento preraffaellita, che si dedicò alle fiabe e alla fairy painting.

Henry Meynell Rheam nacque a Birkenhead, nel Merseyside, il 13 gennaio 1859.

Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

Rheam manifestò una notevole propensione per l’arte e fu mandato a studiare dapprima in  Germania, in seguito tornò in patria per proseguire gli studi a Londra presso Heatherly, una scuola d’arte fondata nel 1845 che annoverava fra i suoi studenti nomi come Burne-Jones, Rossetti, Millais, Lord Leighton, Kate Greenaway, Flint, Michael Ayrton, Franz Kline, Laura Herford, Evelyn Waugh, Lady Butler, EH Shepard ed Emily Mary Osborn: un luogo dalla mentalità molto aperta per l’epoca (fu la prima accademia d’arte ad aprire alle donne) e di crescente prestigio.

Il pittore affinò la sua tecnica a Parigi presso l’Académie Julian, che verso la fine dell’800 ebbe un ruolo rilevante nella nascita di correnti pittoriche europee, quelle che traghetteranno nel Novecento la pittura (ricordiamo, fra i tanti che la frequentarono, Henri Matisse).  Rheam si dedicò principalmente all’acquerello.

Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

La Newlyn school

Terminati gli studi, rimase in ambente artistico trasferendosi a Polperro dove visse con il cugino, un altro noto pittore dell’epoca, Henry Scott Tuke.

In seguito, probabilmente intorno al 1890, si trasferì a Newlyn, una cittadina di mare dove stava fiorendo una scuola pittorica, un movimento simile al Barbizon. Newlyn, che era un villaggio di pescatori in Cornovaglia, sembrava incarnare il luogo ideale per i pittori che, al pari della scola del Barbizon, cercavano una località adatta per la pittura en plen air, a basso costo, e con luce e soggetti adatti alla pittura realistica. Newlyn, divenne una vera colonia artistica, sotto l’influenza di Stanhope Forbes e Walter Langley.

Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

Scopri di più sulla Fairy painting

Stanhope Forbes, uno dei fondatori della scuola di Newlyn, tuttavia, nei suoi documenti ci racconta che il trasferimento di Reheam fu dovuto non tanto all’arte quanto… allo sport. Così ci scrive infatti:

L’incontro annuale di cricket tra gli artisti di St. Ives e Newlyn è stato uno dei principali eventi sportivi dell’anno e all’incirca in quel periodo, St. Ives aveva acquisito due importanti battitori e Newlyn sembrava rischiare di essere sconfitto. Ma in un momento fortunato, la situazione è stata salvata, perché Harry Rheam, quel famoso giocatore di cricket, è stato importato a grandi spese da Polperro. Rimase con noi per sempre e avevamo motivo di ricordare con gratitudine la rivalità tra le due colonie nel gioco nobile.

Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

Dal censimento del 1891 abbiamo conferma che Henry Meynell Rheam in quell’anno viveva a St Peters, Newlyn, come pensionante, insieme a un altro pittore, Samuel Green Enderby.

Rheam si stabilì definitivamente a Newlyn e dal 1897 fu Hon Segretario/Curatore della Newlyn Society of Artists, un incarico che mantenne fedelmente per oltre 20 anni, fino alla sua morte il 14 novembre 1920.

Nel 1900 sposò Alice Elliott e la coppia prese alloggio al Boase Castle Lodge, Belle Vue, Newlyn, e successivamente nella West Lodge di Alverton, a Penzance, nel 1914 circa, dove visse i suoi anni rimanenti.

Rheam morì nel 1920.

Henry Meynell Rheam romantico e preraffaellita

Henry Meynell Rheam è uno degli ultimi veri romantici dell’800, pur dipingendo fra i due secoli. La scelta dell’acquerello, dai colori sgargianti e fiabeschi, è perfetta per i suoi soggetti magici e sognanti, chiaramente influenzati dalle tematiche preraffaellite, fra cui la mitologia inglese.

Fra i suoi dipinti anche molte fiabe e rappresentazioni di scene fatate: Henry Meynell Rheam è uno dei più immaginifici pittori legati alla fairy painting inglese.

Il mondo delle fate che rappresenta è carico di misteri ma limpido, privo di quelle ombre inquietanti che spesso accompagnano le immagini fatate: sono dipinti sospesi fra la realtà e la fantasia, immersi in una natura libera, pura, incontaminata e carica di energia vitale.

Henry Meynell Rheam tuttavia non è solo pittore fiabesco: la sua vicinanza con la scuola di Newlyn, nella quale tuttavia non entra mai di fatto, lo mette in contatto con una rappresentazione dal vero e del vero del tutto diversa dal preraffaellismo, più vicina al realismo che dominerà una buona parte dell’arte successiva.

Henry Meynell Rheam e la fairy painting di fine secolo

Henry Meynell Rheam resta così sospeso fra due epoche, come sospesi e fuori dal tempo sono i suoi dipinti.

La sua belle dame sans Merci, molto apprezzata dai contemporanei, sembra quasi voler simboleggiare il cambiamento che incombe sulla Storia e sulla pittura, che il cavaliere, l’artista Rheam, non vede perché in preda a un incanto. Da questo sogno Rheam non si sveglia, né vogliamo si svegli, per continuare a condurci per mano nelle sue immagini incantate, sogni dai quali nemmeno noi vorremmo svegliarci.

https://www.heatherleys.org/about-us/a-brief-history/

https://www.penleehouse.org.uk/artists/henry-meynell-rheam

https://it.wikipedia.org/wiki/Acad%C3%A9mie_Julian

Immagini da pinterest

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per il suo funzionamento, per scopi analitici e per migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione si accetta la loro presenza.