Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

I balli regency raccontati in 10 curiosità che forse non conosci...

I balli regency in 10 curiosità che non ti aspetti!

I balli regency in 10 curiosità che non ti aspetti!

Balli regency in 10 curiosità

I balli regency, nella nostra fantasia, evocano immagini di bellezza, grazia, perfezione. Oggi ve li racconto in 10 curiosità.

1 – i balli Regency erano eventi per tutti

Non solo nobili dame, e non solo immensi manieri: i balli in epoca regency venivano dati per tutti, ogni occasione era buona. I balli privati accoglievano numeri limitati di invitati, tenendo conto che per danzare occorreva alle coppie uno spazio minimo per muoversi, ma i balli pubblici erano aperti a chi si poteva permettere il biglietto per entrare. Anche i più poveri danzavano, nelle aie, nei cortili… bastava un musicista e le coppie potevano divertirsi.

Ovviamente, ogni classe sociale partecipava a balli diversi, la questione degli inviti era ben studiata, così come per cene e altri intrattenimenti:

Emma non poteva certo supporre che (i Cole) si sarebbero permessi di invitare le famiglie migliori e più quotate; né Donwell, né Hartfield, né Randalls. (Emma, Volume secondo, capitolo 7).

balli regency

Un ballo al Pantheon quando era sala da ballo

2 – Abiti da ballo

Gli abiti da ballo erano preferibilmente in mussola o stoffe leggere. La seta non era consigliata per danzare, forse perché si macchiava col sudore. La seta era più indicata per altre occasioni. Anche le scarpette da ballo erano molto delicate, soprattutto in epoca Regency erano basse e sottili, spesso in raso (le “nonne” delle moderne scarpe da danza classica). Se si ballava tutta la sera, c’era il rischio di doverle buttare la mattina dopo. Abiti e scarpe così delicati necessitavano una manutenzione molto attenta… perciò si parla di abbigliamento per signore ricche: le donne povere avevano un abito buono che veniva riciclato!

Leggi anche: Almack’s Assembly Rooms, il cuore danzante di Londra

Sognando Mr. Darcy

Scopri il mio nuovo romanzo

3 – Balli in maschera

Adorati fin dal 1700, i balli in maschera sono amatissimi in tutta l’epoca Regency e vittoriana. Teresa Cornelys, che fu pure amante di Casanova (e va bene, non è che fosse poi così difficile diveltarlo…), era una famosa soprano che, arricchitasi con il canto, divenne imprenditrice. Nella sua enorme, mastodontica casa, teneva feste all’insegna dello sfarzo e assai licenziose (abbiamo citato Casanova, vogliamo altri particolari?), oltre a gioco d’azzardo e altre attività. Spesso, l’utilizzo del costume, ossia della maschera, serviva a salvare la reputazione dei partecipanti.

balli regency

Volare Digital Capture, da pinterest

Scrive Fanny Burney di lei e della sua casa, nel 1770:

«La magnificenza delle stanze, lo splendore delle luminarie e degli abbellimenti e l’aspetto brillante della compagnia hanno superato qualsiasi cosa io abbia mai visto prima. Gli appartamenti erano così affollati che avevamo poco spazio per spostarci, il che era abbastanza spiacevole, tuttavia, la superficie degli appartamenti, sia al piano superiore che al piano terra, sembrava infinita… Le stanze erano così piene e così calde che nessuno tentò di ballare… L’intrattenimento di questa sera ha deluso le mie aspettative più di quanto abbia speso; poiché avevo immaginato che sarebbe stato il più affascinante del mondo.»

Gli abiti regency e Vittoriani per queste feste erano il meglio che la sartoria poteva immaginare, anche grandi stilisti come Worth disegnarono costumi stupefacenti per le grandi dame del regno.

almacks ballroom kingstreet copy m

almacks ballroom king street

4 – cavaliere non ti conosco

Il galateo ai balli regency era molto chiaro: il cavaliere doveva essere prima presentato alla dama da un conoscente comune, e solo se la dama era d’accordo alla presentazione. Nei balli pubblici e nei locali come le Pump Room era il maestro di cerimonie a rompere l’imbarazzo, come figura neutrale e ben nota poteva presentare i gentiluomini alle signore anche senza essere stato precedentemente a sua volta presentato.

Fecero la loro comparsa nelle Lower Rooms, e qui la fortuna fu più favorevole per la nostra eroina. Il maestro di cerimonie le presentò come cavaliere un giovanotto molto distinto; il suo nome era Tilney. (Northanger Abbey, Volume primo, capitolo 3)

Il maestro di ballo inoltre aveva il compito di istruire i musicisti, approvare o rifiutare le selezioni di danza, mantenere l’ordine e risolvere eventuali controversie fra i partecipanti.

In Orgoglio e Pregiudizio Darcy al primo ballo a cui partecipa rifiuta di farsi presentare altre ragazze e balla solo con quelle che già conosce.

balli regency

Pump Room a Bath

5 – Etichetta per balli regency

Il galateo del ballo era rigidamente codificato, sia in epoca Regency che vittoriana. Esistono diverse guide di etichetta di questo periodo; fra le più note quella di Thomas Wilson, maestro di ballo al King’s Theatre Opera House: “Etiquette of the Ball-Room” del 1815.

Fra le cose out in sala: far rumore, battere le mani, fischiettare, battere i piedi a meno che non fosse previsto dalla danza. Al contrario di oggi, era poco in uso che le donne danzassero insieme, e se lo facevano, dovevano avere il permesso del maestro di cerimonia, che aveva altrimenti il compito di trovare loro cavalieri. Due uomini, invece, potevano ballare insieme senza permesso (ma credo che non lo facessero spesso). Dovevano però mettersi in fondo.

Leggi anche: Le patronesse di Almack’s

4c1177914b0df225a9b531c458a7e964 regency gown regency era 1

abito da sera in velluto

6 – Il primo ballo

Non c’era un ordine fisso per il tipo di danze, stava al gusto del maestro o della padrona di casa. Il carnet con l’elenco veniva fornito alle donne all’ingresso.

I balli regency sono chiamati country dance, in italiano contraddanze, perché prendono origine dai balli campagnoli. La stessa origine del ballo di gruppo, praticamente.

Nascono intorno al XVII sec. in Inghilterra e sono strutturate su due schieramenti contrapposti, di solito formati da una fila di donne e una di uomini, che si muovono seguendo schemi precisi. Le più popolari in epoca Regency erano il cotillon, lo scotch reel, quadriglia e minuetto (che arriva dritto dal secolo precedente).

Leggi anche: Le debuttanti in epoca Regency la Stagione sociale (social season)

Il primo ballo era, però, quasi sempre un minuetto, poi sostituito a volte da Quadriglia o Cotillon.

Il valzer arriva dopo: in epoca regency era scandaloso. Solo dopo che ad Almack’s la contessa di Lieven decide di farlo ballare, viene sdoganato anche ai balli privati, dove già si ballava, ma un po’ di nascosto.  L’amore della regina Vittoria per questo tipo di ballo rende il valzer uno dei preferiti ai balli, nei quali sempre più spesso si vedono danzare coppie e sempre meno gruppi di contraddanze. Non facciamoci illusioni, però, di coppie avvinghiate che roteano per la pista… i primi valzer facevano mantenere maggiormente le distanze.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

7 – l’alcolico no!

Da Almack’s non si servivano alcolici, ma solo bevande fresche. La più amata era la limonata, bibita ufficiale dei ballerini. Talvolta venivano servite limonate rosa, aromatizzate ai frutti di bosco.

I balli iniziavano nel tardo pomeriggio, si interrompevano per una cena a tarda ora (verso le undici) e riprendevano dopo. Nei balli privati si seguiva lo stesso schema, ma a volte la cena chiudeva le danze e veniva seguita da attività più tranquille.

I signori comunque potevano sempre fuggire nelle sale da gioco che non mancavano mai, mentre alle signore erano dedicate stanze per riposarsi, farsi aria, stare un po’ in libertà.

caricatura del valzer

8- i balli regency e le coppie scoppiate

È verità universalmente riconosciuta che non si possono fare più di due balli con lo stesso cavaliere se non si vogliono destare scandali o pettegolezzi. Meno noto è invece che marito e moglie possano fare al massimo pure loro due balli, dopo di che devono dedicarsi ad altri compagni per dar modo a tutti di danzare. Lutto stretto e mezzo lutto sono contrari al partecipare alle danze, ma col mezzo lutto si può assistere al ballo senza ballare. Non è carino chiedere a una vedova se gradisce partecipare.

Ai grandi balli veniva offerto un carnet con l’ordine delle danze, ma le signore spesso disponevano di propri, preziosi carnet e contenitori appositi, che potevano anche essere attaccati alla chatelaine o infilati in una reticule.

Non era educato lasciare la pista una volta che la danza era cominciata e bisognava restare fino alla fine.

Allo stesso modo, rifiutare un cavaliere al primo ballo, significava restare a far tappezzeria tutta la sera: non per nulla Lizzie Bennet si sacrifica e accetta di ballare con Mr. Collins, per quanto non le piaccia.

9- Jane Austen ballerina doc

Un solo ballo è citato in Jane Austen, la Boulangère.

(Mr. Bingley) è sembrato molto colpito da Jane quando lei ha iniziato a ballare. Così, si è informato di chi fosse, si è fatto presentare, e l’ha invitata per i due giri di ballo successivi. Poi, i due del terzo giro li ha ballati con Miss King, i due del quarto con Maria Lucas, i due del quinto ancora con Jane, i due del sesto con Lizzy e la boulangère…”

“Se avesse provato un po’ di compassione per me”, esclamò il marito spazientito, “non ne avrebbe ballati nemmeno la metà! Per l’amor del cielo, smettila di parlare delle sue dame. Oh! se si fosse storto una caviglia al primo ballo!” (Orgoglio e pregiudizio, Volume primo, capitolo 3)

Jane Austen però non manca mai di inserire momenti ambientati durante i balli e nelle sue lettere fa spesso menzione ai preparativi e agli svolgenti di balli. Amava danzare e lo testimoniano molte frasi, anche nei suoi romanzi, che accennano all’utilità sociale e personale del ballo.  Non solo momento di socializzazione, occasione per fare movimento, ma un tempo che una donna prende per sé, per sentirsi meglio. Un’acuta osservatrice come lei, inoltre, doveva anche amare i balli per l’occasione che le fornivano di analizzare le persone, le dinamiche, le situazioni.

Ma Jane è soprattutto, una donna che ama divertirsi se ne ha l’occasione.

Mi fai tanti di quei rimproveri nella bella e lunga lettera che ho ricevuto in questo momento, che ho quasi paura di dirti come ci siamo comportati io e il mio amico irlandese. Immaginati le cose più dissolute e scandalose nel modo di ballare e di sederci vicini. (lettera 1-1796)

balli regency charlotte galles

la principessa Carlotte di Galles

10 – ballo reale

Un ballo reale era un evento che finiva sui giornali. E anche adesso, gli eventi che ruotano intorno alla Royal family sono molto seguiti.

Venerdì 5 febbraio del 1813 a Carton House, dimora del principe Giorgio, si svolse uno dei balli più famosi della Storia. A questo ballo, ci si aspettava che il principe avrebbe presentato la giovane Charlotte come in società, e tutti gli occhi, come nelle fiabe, erano puntati sulla diciassettenne seconda in linea di successione al trono.

La grandiosa festa, però, non fu altro che un festeggiamento in onore del compleanno della regina (Charlotte anche lei) e infatti le danze furono aperte dalle Lady Aunt, ossia dalle principesse reali e non dalla figlia del reggente, che comunque rimase al centro dell’interesse generale.

Grande assente la principessa Carolina, moglie del reggente, già da tempo allontanata dalle questioni di famiglia a causa dei suoi dissidi col marito. Assente anche il re, da tempo malato.

Sui giornali furono descritti con dovizia di particolari non solo i nomi dei partecipanti, ma i loro abiti, l’ordine delle danze, chi aprì questa o quella danza… l’ora della cena e degli spostamenti della Royal Family. Sappiamo persino che le principesse si ritirarono alle cinque del mattino, gli uomini alle sei.

Ma il gossip più interessante fu quello intorno all’abito della principessa Charlotte di Galles:

Uno splendido abito di pizzo bianco, riccamente ricamato in lamé d’argento; corpetto di tessuto d’argento; maniche di rete in vernice, elegantemente ricamate a punte di diamante, con bellissimi bracciali in corrispondenza. Copricapo, decorato di bianche piume di struzzo, sorretto da un bellissimo diadema; girocollo di rubini e diamanti. ( Il Norfolk Chronicle (13 febbraio 1813).

Non molto tempo dopo, la principessa indosserà un altro abito con profusione d’argento per il suo matrimonio, ma la sua fiaba, iniziata con questo ballo, non sarà a lieto fine.

https://www.regencydances.org/

https://www.bl.uk/romantics-and-victorians/articles/the-ball-in-the-novels-of-jane-austen

https://reallifeartist.wordpress.com/tag/1817-regency-ball/

Balli regency. Come provocare invidia con un video!!!!
Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per il suo funzionamento, per scopi analitici e per migliorare l’esperienza di navigazione. Proseguendo la navigazione si accetta la loro presenza.

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.