Tutti i fantasmi di M. R. James

Tutti i fantasmi di M. R. James

M. R. James

M.R. James è stato uno scrittore, storico e medievalista britannico, studioso di paleografia e archeologia, bibliofilo e antiquario, I suoi racconti di fantasmi sono fra i più belli di sempre, piccoli gioielli della letteratura di epoca vittoriana.

Montague Rhodes James, figlio di un curato inglese, nacque a Goodnestone Parsonage nel 1862.

M. R. James mostrò fin dall’infanzia un grande interesse per la storia e le antichità, in particolare per il mondo medievale, per i manoscritti e i libri antichi.

Illustrazione di ghost story

Studiò a Eton, a cui poi seguirono gli studi al King’s College di Cambridge, dove divenne n seguito assistente di archeologia classica al museo Fitzwilliam. Sempre nel King’s College il James guadagnò un importante incarico grazie alla sua opera “L’Apocalisse di S. Pietro inerente alla storia del cristianesimo”.

Intrapreso il cursus honorum nel suo college, M. R. James raggiunse l’apice della sua carriera nel 1905 quando ne divenne rettore.

Morì nel suo paese nel giugno del 1936 all’età di 74 anni.

Le storie dell’antiquario

M. R. James i fantasmi dell’antiquario

M.R. James , pur essendo un medievalista di grande conoscenze, oggi è più noto per i suoi racconti di fantasmi che per le numerose pubblicazioni a carattere storico.

Nelle sue opere, tuttavia, non mancano mai riferimenti che coniugano tutte le sue passioni.

In varie raccolte sono oltre quaranta i suoi racconti dedicati ai fantasmi.

Illustrazione di “Fischia e verrò da te”

La prima antologia, quella che gli diede la fama come narratore di ghost stories, fu proprio “I fantasmi dell’antiquario” (Ghost Stories of an Antiquary, 1904), a cui seguirono More Ghost Stories of an Antiquary (1911), A Thin Ghost and Others (1919), A Warning to the Curious and other Ghost Stories (1925).

M.R. James si dedicò principalmente alla narrativa breve, nella quale eccelse al punto da diventare fonte di ispirazione per alcuni fra i più grandi autori del genere horror, come Lovecraft e King.

La peculiarità della sua narrazione è quella di non indugiare mai sul particolare terrificante, che viene lasciato alla fantasia del lettore, sarà poi ripresa in pieno da Lovecraft che ne diverrà il maestro.

M.R. James, la realtà e l’incubo

I temi dei racconti di M. R. James ruotano attorno ad alcuni punti fissi: ambientazioni e protagonisti sono quelli famigliari all’autore: l’ambiente universitario e scolastico, antiche chiese, campagne apparentemente tranquille e rassicuranti, villaggi pacifici, vetuste case; professori universitari, studenti, studiosi diventano, quasi inconsapevolmente, il fulcro, il punto d’unione fra il mondo noto e il soprannaturale.

M.R. James racconta di una realtà tutta inglese, di una mentalità tutta vittoriana che sembra voler illuminare ogni angolo recondito con la luce della ragione, che a nulla crede e a nulla dà credito se non palese. E che quell’orrore, quell’incognita rifiuta finché non si fa così minacciosa da non poter essere ignorata.

Il contrasto è ciò che dà spessore all’orrore, è quello che insinua l’inquietudine nel lettore.

Gli stalli della Cattedrale di Barchester

M. R. James e il fantastico

La ghost story migliore è quella che ti lascia il dubbio d’aver letto una storia vera. M. R. James è uno dei maestri in questo senso: il suo fantastico è quanto di più reale e tangibile si possa immaginare. Gli espedienti sono semplici, per esempio l’asserzione d’aver raccolto una testimonianza, o quella di una narrazione in prima persona che ricorda la scarna cronaca di un fatto qualsiasi.

L’orrore è l’ombra che insinua in questa normalità, è il velo che copre il vero.

Quello di M. R. James è un fantastico verosimile, nel quale il lettore si specchia e perde confine.

Fischia e verrò da te

Il recupero del clima gotico è assicurato nei racconti che riportano date più antiche: M. R. James ci rimanda al periodo della Reggenza o precedente, quello in cui il castello di Otranto era fra i best seller.

Ma la forza dei suoi racconti è, credo, nei suo personale coinvolgimento.

Un’ironia sottile permea le figure dei protagonisti, nei quali traspare lui stesso, con la curiosità che spinge a scelte imprudenti in nome della conoscenza.

M.R. James è presente e accompagna il lettore attraverso la narrazione, come fa ogni buon narratore che declami storie di fantasmi a un pubblico da incantare.

LOST HEARTS (cuori perduti) illustration by Les Edwards (pinterest)

Le ghost stories, infatti, come ci ricordano tutti i grandi autori del genere, sono nate per l’oralità, per essere raccontate.

Tipico delle tradizioni inglesi sono le storie di fantasmi raccontate intorno al camino, la notte di Natale, a cena con amici, nelle lunghe serate fra nobili nei manieri.

E questo substrato si ritrova in M. R. James, ne costituisce il colore.

La stanza numero 13 (pinterest)

M. R. James, i miei amori

Lo so, non so fa, ma miss Darcy è una creatura della sua stessa penna (citazione da Possession): decide da sé e vi racconta di come l’incontro con M. R. James sia stato folgorante.

Un quadro raffigurante un’antica casa, un’acquaforte che lentamente si anima e mostra le immagini di un atroce delitto, le azioni efferate di una creatura soprannaturale.

L’acquaforte (o la mezzatinta)
Da Monteverdelegge

Un fischietto, capace di evocare dalle tenebre creature talmente terrificanti da non essere descrivibili.

Mostri così demoniaci da dover essere tenuti sigillati sotto l’altare di una chiesa.

Uomini la cui malvagità è tale da renderli più infernali dello stesso demonio.

E demoni che occupano stanze d’albergo, là dove i nostri sensi nulla percepiscono alla luce del sole.

Questo è M. R. James, questo il suo mondo di ombre, nelle quale perdersi è un viaggio anche dentro se stessi.

https://en.wikipedia.org/wiki/M._R._James

https://it.wikipedia.org/wiki/M._R._James

http://www.thecompletevictorian.com/halloween2.html

Antonia Romagnoli @antoniaromagnol

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

Share
Published by
Antonia Romagnoli @antoniaromagnol

Recent Posts

  • Alimentazione e ricette storiche
  • Approfondimenti storici
  • Articoli vari
  • mondo regency
  • mondo vittoriano

Figgy pudding e plum pudding – Christmas Victorian recipes

Figgy pudding e plum pudding – Christmas Victorian recipes Figgy pudding e plum pudding – antica tradizione inglese. Now bring… Read More

13 ore ago
  • Approfondimenti storici
  • Articoli vari
  • mondo regency
  • mondo vittoriano

La porcellana Staffordshire

La porcellana Staffordshire La porcellana Staffordshire è molto nota (Staffordshire Porcelain) ai collezionisti e agli appassionati di antiche porcellane inglesi… Read More

2 settimane ago
  • Approfondimenti storici
  • Articoli vari
  • mondo regency
  • mondo vittoriano

Breve Storia della Porcellana

Breve Storia della Porcellana Un breve percorso nella Storia della Porcellana, sogno e passione di tanti anglofili e prezioso ornamento… Read More

2 settimane ago
  • Approfondimenti storici
  • Articoli vari
  • Moda e abbigliamento d'epoca
  • mondo regency
  • mondo vittoriano

Le mestruazioni nel 1800

Le mestruazioni nel 1800 – storia degli assorbenti e delle signore Le mestruazioni nell’800, come accade anche oggi, fin troppo… Read More

1 mese ago
  • Alimentazione e ricette storiche
  • Approfondimenti storici
  • Articoli vari
  • mondo vittoriano

L’alimentazione vittoriana: i ricchi e i poveri

L’alimentazione vittoriana: i ricchi e i poveri L’alimentazione vittoriana: i ricchi e i poveri - il divario nutrizionale fra le… Read More

2 mesi ago
  • Alimentazione e ricette storiche
  • Approfondimenti storici
  • Articoli vari
  • mondo regency
  • mondo vittoriano

Tea caddy – le scatole da tè nell’800

Tea caddy - le scatole da tè nell'800 Tea caddy - le scatole da tè nell'800. La storia che non… Read More

2 mesi ago