Parole d’Autore: Mia cara Jane

Condividi con

Parole d’Autore: Mia cara Jane

parole d'autore

Mia cara Jane è un romanzo che non può non attirare l’attenzione delle affezionate lettrici di Jane Austen.

Noi amiamo chiamarci Janeites (termine fra l’altro coniato da illustri scrittori, a partire dal 1894!) e siamo ammiratrici della sua opera, delle sue ambientazioni, della sua epoca.

Mia cara Jane - Amalia Frontali

Mia cara Jane è un romanzo epistolare che raccoglie il carteggio, ovviamente mai scritto, fra Jane Austen e Tom Lefroy, un giovane che per un breve periodo intrecciò un’affettuosa simpatia (di più non si può dire) con l’autrice. Non ci furono promesse, non ci furono grandi rotture: i due nella realtà presero strade diverse.

Se avete visto il film Becoming Jane, sapete però che sulla loro relazione si è lavorato parecchio, forse perché nella breve vita dell’autrice è stato l’unico episodio con risvolti romantici.

Mia cara Jane - Amalia Frontali

Anne Hathaway (left) is Jane Austen and James McAvoy (right) is Tom Lefroy in Miramax Films’ BECOMING JANE. Photo credit: Colm Hogan/Courtesy of Miramax Films.
da pinterest

Mia cara Jane si inserisce qui, delicatamente, raccontandoci attraverso le lettere di Tom Lefroy a Jane questa storia d’amore, conducendo i lettori in un mondo perduto e restituendo il clima delle lettere (quelle vere) che Jane Austen ha lasciato e che oggi ce la raccontano e ce la avvicinano ancora tanto.

Ma oggi la parola non è mia, è dell’Autore. Anzi, ora la lascio a Tom, invitandovi a mettervi comodi e a rompere i sigilli delle missive insieme a me.

Mia cara Jane - Amalia Frontali

Tom Lefroy

Mia cara Jane – Estratti

“Chiudo questa lettera, prima che diventi malinconica, con un quesito importante: è opportuno che continui a chiamarvi Miss Austen? Seguite il mio ragionamento: di sicuro è molto tempo, direi fin da prima di partire da Ashe, che non penso a voi se non per nome.

Di sicuro l’intimità un po’ indecente di questa corrispondenza – non osereste far leggere le mie lettere a vostra madre – non è coerente con un rigido rispetto della forma.

Per finire, voi siete di fatto Miss Jane poiché il titolo di Miss Austen è vincolato alla primogenitura e dunque spetta a vostra sorella.

Ne segue, logicamente, che sarei più che legittimato a chiamarvi per nome, cara Jane, e così voi a meno che non abbiate lo sfacciato coraggio di mentire affermando che nei vostri più intimi pensieri io rispondo al nome di Mr Lefroy e non di Thomas o addirittura di Tom.”

Mia cara Jane - Amalia Frontali

“Questo Darcy, capace di donare il suo cuore oltre la sua stessa ragione – lo ammetto a malincuore – vi sta riuscendo anche troppo bene; prevedo che se ne innamoreranno almeno metà delle brave ragazze inglesi amanti dei romanzi.

Se non avessi la più alta opinione del vostro buon senso, amica cara, temerei di dover pensare a lui come a un rivale. Se mi sento all’altezza di competere con qualsiasi vostro spasimante di carne e sangue, temo che non avrei la meglio con uno d’inchiostro, nato dal vostro Genio. Perciò, mia assennata Jane, vi prego di mantenervi saldamente ancorata alla realtà e di concentrarvi sui balli di Natale, sul cappello di vostra sorella che avete lasciato smontato, e sui molti corteggiatori – alla portata della mia collera – che certamente vi procurerete.”

Mia cara Jane - Amalia Frontali

“Jane non vedrò mai nulla di più bello di te com’eri in quel momento, inconsapevole d’essere osservata, animata dalla conversazione, sorridente, luminosa.

Non vedrò mai nulla di più bello dei tuoi occhi che prendono a brillare, come di una fiamma interna, enormi e scuri, quando ti accorgi della mia presenza.

Non ho quasi memoria dei nostri inchini rigidi, delle vuote parole di cortesia. Di quella sera ricordo solo ciò che non fu detto e non fu fatto e mi convinse che dovevo mostrarti quelle lettere, che dovevi sapere che, pur privo di speranza, non riuscivo ad essere incostante.”

Mia cara Jane - Amalia Frontali

Biografia essenziale

L’autrice in carne e ossa, quella che si nasconde dietro lo pseudonimo, ha ben poco di interessante da dire di sé stessa.

Amalia, invece, ha parecchio ancora da scrivere e ha in serbo molte altre lettere, storie e personaggi, impazienti, indipendenti e persino indisciplinati, che aspettano di uscire dalla sua penna.

E che, speriamo, sapranno farsi amare.

Mia cara Jane - Amalia Frontali

La casa di Jane Austen a Chawton

Mia Cara Jane – Scheda e sinossi

Titolo: Mia Cara Jane

Autore: Amalia Frontali

Editore: autopubblicato Amazon KDP

Link: https://www.amazon.it/Mia-Cara-Jane-lettere-scritte-ebook/dp/B01BL0DOHS/

Data pubblicazione: 09/02/2016

Pagine: (versione kindle): 168

Mia cara Jane - Amalia Frontali

La chiesa di Steventon

Sinossi                                             

Nel gennaio 1796 Thomas Langlois Lefroy, futuro Capo della Corte Suprema irlandese, e Jane Austen, futura autrice di grandi capolavori della letteratura, entrambi ventenni, si conobbero e si piacquero.

A questa innocente attrazione – ci dice la storia – nulla seguì. Jane non si sposò mai e Tom contrasse un’unione di convenienza, che gli garantì un suocero potente, una ricca dote e la protezione economica di uno zio già molto contrariato da matrimoni indesiderabili in famiglia.

Gran parte delle lettere di Jane Austen, dopo la sua morte, fu data alle fiamme dalla sorella Cassandra, per motivi che non sono mai stati veramente chiariti. Qui finisce la verità storica.

Se Tom Lefroy, dopo quell’occasionale conoscenza, avesse scritto una lettera a Jane Austen?

Se a quella lettera – imprudente e ingiustificabile dalle convenzioni sociali – fosse seguita una vera e propria corrispondenza?

Mia cara Jane - Amalia Frontali

La firma di Jane Austen

Le lettere di Tom a Jane, che sono pura invenzione letteraria, si incastrano però con minuziosa esattezza con le cronologie storiche dei protagonisti; sicché personaggi, luoghi ed eventi sono reali e mostrano che quello che non è mai accaduto sarebbe però stato possibile e plausibile.

Mia cara Jane è dunque un derivato austeniano in forma epistolare e stile regency, corrispondente ad un carteggio immaginario, di natura romantica, di pugno di Tom Lefroy, che segue con esattezza le biografie storiche dei personaggi ripercorrendo gli anni fra il 1796 – in cui si colloca il primo incontro fra i due – al 1799 – anno del matrimonio di Tom Lefroy – e termina con un breve ultimo scambio epistolare nel 1817 – anno della morte di Jane Austen.

Durante questo breve periodo, ad una storia d’amore segreta, tormentata dalla distanza, dalle incertezze e dalla disapprovazione familiare, si unisce la genesi dei primi grandi romanzi canonici della Austen e Tom Lefroy diventa, nella finzione, consigliere e ispiratore della grande letteratura austeniana, suggerendo personaggi e situazioni romanzesche, incoraggiando revisioni, facendo da specchio alla coscienza letteraria dell’autrice.

Jane Austen

Jane Austen

In un serrato contrappunto fra realtà storica e immaginazione, la trama si dipana fra continui echi delle Lettere austeniane sfuggite alle fiamme, citazioni dei capolavori, precisi riferimenti a viaggi, vicende e personaggi storici.

Sullo sfondo le guerre napoleoniche, i fermenti della rivoluzione, l’instabilità dell’Irlanda, la moda, lo stile di vita e la società della reggenza fanno cornice al microcosmo delle vicende private.

Senza forzature storiche, l’epistolario romantico sfocerà pienamente nella realtà storica, in un finale toccante ma non melodrammatico, che assegna al geniale romanzo postumo Persuasione un ruolo da protagonista.

https://www.amazon.it/Mia-Cara-Jane-lettere-scritte-ebook/dp/B01BL0DOHS/

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

2 commenti

  1. Interessantissimo, devo leggerlo assolutamente!

Commenti chiusi