La propria strada di Monica Schianchi

Condividi con

Parole d’autore di Monica Schianchi

parole d'autore

La propria strada di Monica Schianchi

Oggi in questa calda giornata agostana torna una storia d’amore che il salotto di mis Darcy ha presentato qualche mese fa, La propria strada di Monica Schianchi.

Oggi l’autrice torna per farci leggere alcune pagine della sua appassionante storia, romantica e appassionante, “La propria strada”.

L’estratto

«Yes, a luglio». Mi scruta con attenzione. «Allora, hai deciso di farmi svenire? Perché in giacca e cravatta?» «Ero a lavoro, semplicemente», rispondo. «Ti piacciono gli uomini in giacca?» «Trovo che sia un abbigliamento elegante». Mi si avvicina e mi sussurra nell’orecchio. «E tanto per citarti, sei sexy così». Non la faccio allontanare e cerco immediatamente le sue labbra. Vengo subito avvolto dal suo profumo e dal suo sapore. Immergo una mano tra i suoi capelli e le sfioro la lingua. Lei inizialmente risponde al bacio, ma poi mi allontana con una mano sul petto. «Signore, siamo in pubblico», mi fa notare.

la propria strada

Resto per un attimo in silenzio, non capendo bene che cosa voglia dire, poi realizzo. “Non sono andato con nessun’altra”, le rispondo. “Non mi prendere in giro”, mi dice, con tono leggermente alterato. “Non sto mentendo. Perché dovrei farlo?” Rispondo immediatamente. Lei resta in silenzio a fissarmi, sta evidentemente ragionando su quello che le ho detto. “Sei stato quasi un mese senza fare sesso?” Chiede. “Perché?” Alzo le spalle. “Aspettavo te”. Non so questa come mi sia uscita, mi sembra di essere entrato in uno di quei filmetti rosa senza nient’altro che romanticismo. Nella reazione più improbabile che credo potesse avere, smorza questa atmosfera ridacchiando: “ma… Sei serio?” Incrocio le braccia sul petto. “Sul serio, donna, hai un pessimo carattere”. Restiamo a studiarci per qualche secondo, mentre sento salire l’impazienza di avvicinarmi a lei, ma Lei mi precede, si stacca dallo stipite e cerca le mie labbra in modo impetuoso ed esigente. Mi immerge le dita tra i capelli e avvicina il suo corpo al mio. Sento il cuore che per poco mi esplode nel petto e il languore della passione diventa quasi insopportabile mentre le nostre lingue si cercando e si rincorrono. La faccio arretrare contro il muro e non riesco quasi a credere di averla di nuovo tra le mie braccia.

la propria strada

«Ciao», le dico, perdendomi nel suo profumo, che non saprei davvero come descrivere. «Ma lo sai che è bellissimo uscire con te?» Dice, voltandosi di lato per farmi osservare l’altezza dei suoi tacchi. «Dieci centimetri e sei ancora più alto di me! Questa sì che è fortuna». Scoppio a ridere. «Hai capito, no? Non perché “sei carino, sei interessante”, no, è perché “sei alto”». Scoppia a ridere anche lei. «Un pregio da non sottovalutare in un uomo, soprattutto se la donna ama i tacchi», sorride.

la propria strada

Non mi interessa più niente: non mi interessa il lavoro, avere un aspetto decente, uscire di casa, essere gentile e simpatico; non mi interessa conoscere gente nuova e soprattutto donne… Ho chiuso con le donne. A che cosa serve sognare se poi il risveglio brucia in modo insopportabile? Vorrei poter tornare alla mia vita di prima. Vorrei fregarmene di qualsiasi cosa, pensare agli amici, giocare a calcetto, trovare una donna con cui divertirmi. E invece no. Sono relegato in questo limbo di consapevolezza che non potrò tornare ad essere come prima, e che adesso nulla ha più senso. Lei non c’è. E se la conosco almeno un po’ non cambierà idea. Non tornerà. Quello che c’è stato tra di noi non ha mai significato nulla. Me l’ha ripetuto in tutti i modi. E io come un coglione mi sono illuso del contrario.

la propria strada

Mi sento un fallito che ha perso l’orientamento. Sarebbe bello, sarebbe facile tornare alla vita di prima, dove riflettere non era la norma, dove tutto veniva per istinto e quando mi chiedevo se una cosa andava bene scollavo le spalle perché non mi interessava cercare una risposta. Passare oltre era facile, l’avevo sempre fatto, ma adesso… adesso non ci riesco più.

Trama:

la propria stradaQuante persone decidono di intraprendere la strada più semplice soltanto per arrivare prima, e si accontentano delle briciole, accantonando sogni o progetti e relegandosi ad una vita al di sotto delle proprie possibilità?

Lorenzo si è sempre accontentato: dopo la laurea in economia ha trovato lavoro come dipendente in una grossa azienda e accetta uno stipendio mediocre, ma che lo fa andare avanti. Allo stesso modo si interessa a tutte le donne che incontra, con la consapevolezza che da queste non bisogna chiedere nulla di più che farsi scaldare il letto.

La sua vita procede su un binario monotono finché una sera non incontra una donna diversa, una donna in grado di infiammare i suoi desideri e di rimescolare le carte in tavola al punto da far comprendere a Lorenzo quanto sia importante riprendere in mano la propria vita.

E trovare la propria strada.

La propria strada –  scheda

Titolo: La propria strada

Autore: Monica Schianchi

Genere: rosa/erotico

Pagine: 180 ca

Prezzo: 1,50€ o gratis con KU

Nota: prequel di Incontri in maschera

Link: https://www.amazon.it/propria-strada-Monica-Schianchi-ebook/dp/B01ERVI3M4

Monica Schianchi

la propria stradaMonica Schianchi nasce a La Spezia nel 1994. Dopo il diploma al Liceo Classico si iscrive al corso di Lettere Antiche dell’Università di Torino, del quale sta frequentando l’ultimo anno. Nel 2015 fonda con altre scrittrici l’associazione culturale S.E.U. (Scrittori emergenti uniti), di cui è vicepresidente.

Adora leggere, scrivere e guardare serie TV. I suoi libri preferiti sono la saga di Harry Potter, della quale è una grande fan, e i romanzi storici di Andrea Frediani.

Pubblica il suo primo libro, “Il Potere dell’Amore – Le guerre dei Clan“, nel 2013, mediante casa editrice; l’anno successivo approderà invece al self riproponendo il romanzo in versione eBook.

Nel maggio 2015 pubblica, mediante Amazon, “Incontri in maschera“, romanzo rosa/erotico, il cui prequel, “La propria strada” viene pubblicato l’anno seguente.

 

Se hai un libro da presentare, prova a contattarmi.. il salotto di miss Darcy ha spazio per tutti!

Gli appuntamenti di miss Darcy:

La gazzetta di Higbury

Il tè del venerdì

Parole d’autore

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

I commenti sono chiusi