Real Time: una vita qualsiasi

Condividi con

La vita reale è sbarcata in TV.

E la vita diventa una farsa.

real time

Uno dei canali più gettonati in casa mia (potrei dire dai miei figli, visto che hanno il monopolio del video)  è Real Time.

Se come me non guardate molta televisione, vi spiego che cosa trasmette: è un canale in cui mostrano la gente che realizza qualche desiderio o che vuole cambiare qualcosa della sua vita. Ieri sera, per esempio, era il turno di ragazze formose in cerca del’abito da sposa.

L’obiettivo era trovare per loro l’abito dei sogni, nella taglia e nel budget indicati.
Poi ci sono i tutorial per il trucco, in cui l’esperto viene affiancato da una persona qualunque che deve imparare a truccarsi, i classici reality in cucina, le trasmissioni che entrano in una casa che deve essere riarredata… ce n’è per tutti. Suppongo che in America queste cose impazzino già da tempo, noi come sempre andiamo a ruota.

Quando alcuni anni fa arrivò in Italia il format de “La tata” l’unica cosa che ho pensato è stata: “Io in casa mia non la farei entrare neanche se i miei figli avessero l’abitudine di camminarmi sulla faccia”.

Un po’ il sano, vecchio principio dei panni sporchi che vanno lavati in casa.

Ora racconto on line tutti i fatti miei e ci resto male se nessuno li legge.

Ecco, forse è per questo che l’editoria va così male: certe trasmissioni ti fanno capire come la realtà superi la fantasia e non c’è più bisogno di leggere un libro per ottenere un effetto catarsi. Devo ammettere che vedere la situazione delle famiglie in cui veniva invocata la tata mi dava un pacifico senso di normalità.

Poter osservare la differenza abissale fra l’unghia dipinta dall’esperta e quella tutta sbavata della ragazza di turno è tremendamente appagante.
Quando c’era solo Art Attack mi lasciavo abbattere da un senso di inferiorità, perchè, anche volendo, non avrei mai potuto aiutare i miei piccoli a costruire quelle cosette inutili e inarrivabili. Guardate com’è facile fare un disegno in prospettiva! Oggi trasformiamo una scatola in una macchina del tempo che diventa mezzo anfibio e che traduce le frasi in dieci lingue! Facciamo una scultura in marmo con un coltellino da frutta!

E tutto, con il materiale che avete in casa.

La nuova moda è come un Art Attack a 360°, dilatato a tutti gli aspetti della vita, solo che in tv fanno vedere quanto sono ridicoli i risultati dei principianti.

Ho sempre pensato di me stessa di essere un’eterna principiante in tutto. Non so fare la brava casalinga, la mamma sprint, la moglie che si sveglia la mattina col trucco già a posto… per non parlare del mondo della scrittura, nel quale non sono riuscita a scavarmi una nicchia come sognavo.

Il mio personale Real Time.

Una trasmissione che continua ad oltranza, 24 ore su 24, in cui alla fine sono pure l’unica spettatrice.

Quanto è difficile accettare i fallimenti. Quanto sarebbe bello vedere il risultato delle mie azioni, la puntata successiva… poter sbirciare la soluzione dei problemi.

Su Real Time tagliano pure le parti noiose. non sarebbe bello poterlo fare anche nella vita?

Sarebbe bello anche potersi fermare un attimo a discutere e commentare quello che accade.

Ma in effetti la tv non è la vita, anche quando cerca di imitarla, e così ci tocca quella cosa antipatica che si chiama attesa. Nella vita ci toccano le code in posta e dal dottore,  ci tocca aspettare il risultato degli esami, ci toccano le lunghe notti insonni prima degli eventi importanti.

La grossa differenza è che ci tocca anche tutta la parte emozionale, quella che lo schermo non può trasmetterci e che è prerogativa dell’essere vivi.

La gioia e il dolore, la paura e il sollievo: la vita non ci risparmi neppure una goccia di emozione.

L’unico insegnamento che proviene da questo assurdo canale è che in fin dei conti, anche la vita più ordinaria vale la pena di essere vissuta, anzi, che forse di ordinario nella vita non c’è nulla.

Una frase che ho sempre amato è quella che Svevo mette sulle labbra del suo Zeno: la vita non è nè bella nè brutta, è originale. La televisione lo ha scoperto: si salvi chi può.

 

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

I commenti sono chiusi