Natale a Pemberley – intervista a Miss Darcy

natale a pemberley

Tea time con Miss Darcy

Natale a Pemberley – intervista a Miss Darcy

Oggi Miss Darcy vi attende trepidante per un evento speciale. Sarà lei, infatti, a essere protagonista di un’intervista, in occasione dell’uscita di un’antologia che la riguarda personalmente: Natale a Pemberley, infatti, è una raccolta di racconti ambientati nella prestigiosa dimora dei Darcy, nata in seno al gruppo facebook Regency & Victorian, il cui ricavato verrà devoluto all’associazione Telefono Rosa Piacenza.

Ho fatto accomodare la nostra timida signorina sul divano di damasco che ama di più, proprio di fronte al camino in cui il ceppo pigramente brucia, scoppiettando ogni tanto per attirare la nostra attenzione.

Sulla tavola, una preziosa teiera in argento ci fa giungere l’aroma di uno speziato tè di natale, in ci le note di cannella e chiodi di garofano ci fanno pensare alle feste imminenti.

Mi perdo in chiacchiere… ma Georgiana ha bisogno di essere messa a suo agio, non è abituata a essere intervistata ed è un po’ agitata.

1945_136

Buon pomeriggio, Miss Darcy, e lieta di vedervi così in salute!

Georgiana: Grazie, sto molto bene, in effetti.

Comincio, come mi avete insegnato, chiedendovi di raccontarci qualcosa di voi.

Georgiana: Non che ci sia molto da dire, in effetti. Vivo nel Derbyshire, nella tenuta di famiglia, insieme a mio fratello. Siamo orfani da alcuni anni, ma l’affetto che ci lega ci ha fatto superare molti momenti negativi.

Siete fidanzata?

Georgiana: (sospira e abbassa gli occhi) Ancora no.

Ho notato che a Pemberley c’è un certo fermento (cambio argomento, so che non ama molto parlare di sé). Volete ragguagliarci sulle novità?

Georgiana: Volentieri! (si illumina di gioia) Stiamo organizzando la più grande festa natalizia che abbiamo mai tenuto da quando sono mancati i nostri genitori. Desideravo riportare un po’ di allegria fra queste mura che da qualche tempo hanno visto solo tristezza e ho invitato per i festeggiamenti natalizi tutti gli amici più cari. Qualcuno è già arrivato, molti arriveranno nei giorni prossimi.

Sarà una sfida per le mie capacità di padrona di casa…

Una bellissima sfida che certamente affronterete nel modo migliore. Ma come mai avete parlato di tristezza?

Georgiana: (Si morde le labbra, come se fosse pentita d’aver parlato) Incomprensioni in famiglia, fra Mr. Darcy e la sua fidanzata. Temo che le nozze saranno rinviate, in quanto Miss Bennet, in effetti… ha lasciato la tenuta e non sappiamo dove sia.

Quindi Miss Bennet è sparita?

Georgiana: Sì, ma vi prego, non parliamone. Mio fratello ne soffre molto.

Capisco. Torniamo a parlare della festa. Potete anticiparci qualche nome degli invitati?

Georgiana: Certamente! Ho voluto avere fra noi i nostri amici più cari, alcune compagne del collegio, alcuni amici intimi di Mr. Darcy…

Una giovane donna irrompe nel salotto ridendo e quasi correndo.

Georgiana le fa segno di avvicinarsi e le rivolge un’occhiataccia.

Georgiana: La Molto Honourable Almina Royston: è una carissima amica, appunto già nostra ospite…

Almina: Devonshire sta arrivando.

Georgiana: (alza gli occhi al cielo) Il Duca di Devonshire è un nostro vicino. Spesso viene a trovarci.

Ospiti illustri, insomma.

Georgiana: Qualcuno. Ma ciò di cui ci vantiamo non sono i titoli dei nostri amici, ma delle loro qualità. Mio fratello ama circondarsi di persone di valore.

Come per esempio…?

Georgiana: Il professor Lovelace, uno studioso molto serio. Ma anche Mr. Crimsworth, che spero ci onorerà con la presenza sua e della sua signora, anche se dovranno affrontare un viaggio molto impegnativo.

E come vi siete regolati con la famiglia?

Georgiana: (arrossisce). Ho, com’è ovvio invitato i nostri parenti più prossimi, il Colonnello Fitzwilliam, Lady Catherine e sua figlia. Ma dubito che queste ultime accetteranno l’invito.

Una bella compagnia, non c’è che dire.

Georgiana: E ci saranno molti altri.

Almina: speriamo che sia la volta di vedere anche questa dolce fanciulla cedere alle lusinghe dell’amore!

Georgiana: Almina! Per favore! (arrossisce di nuovo, qui gatta ci cova…). Un po’ di tè per tutti!

E proprio mentre sta per versare la bevanda nelle tazze, arriva il Duca, che io mi aspettavo anziano e severo, e che invece è proprio un bel giovanotto.

Sarà un Natale molto interessante.

Vi invitiamo a trascorrere con noi questo… Natale a Pemberley!

 Natale a Pemberley – scheda

Derbyshire, 1812. 
Un incipit, l’invito alla festa di Natale a Pemberley Hall, l’imponente residenza di Mr Darcy, e un finale ambientato nella notte più magica dell’anno.
Nel mezzo, sedici storie che raccontano le vicissitudini di altrettanti protagonisti.
Accanto ai personaggi delle opere austeniane si affiancano creazioni della fantasia degli autori, dalla servitù della casa ai nobili ospiti, in un avvicendarsi di vite e avventure. 
Un’antologia omaggio a Jane Austen per festeggiare il bicentenario della sua scomparsa da parte del gruppo Regency & Victorian.
———
Racconti di: Romina Angelici, Gladys Dei Melograni, Antonia Depalma, Pitti Du Champ, Patrizia Ferrando, Simona Friio, Amalia Frontali, Elena Grespan, Cassandra Lloyd, Emanuela Locori, Mala Spina, Lisa Molaro, Francesca Prandina, Antonia Romagnoli, Federica Soprani, Susy Tomasiello, Serena Vis, Matteo Zanini.

 

Immagini da Pinterest

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

3 commenti

  1. Bellissima intervista e spero che verranno tutti a trovarci a Pemberly

  2. Bellissimo anche il libro solo uno dei racconti è poco dignitosamente austeniano ma forse, pensandoci meglio è solo più esplicito….
    anche Jane Austen ha tratteggiato personaggi simili alla vedova ….ma perché il complice …..è un italiano ? Siamo ancora ai pregiudizi gotici? o forse siamo in un romanzo gotico nostro malgrado come Catherine Morland

Commenti chiusi