Il chiama angeli e la moda gravidanza

Condividi con

Un ciondolo per feti: le nuove tendenze della moda gravidanza.

gravidanza maternità mamma mamme

Oggi ci sono ricascata: altro ingresso in un forum di gravidanza.

Il mio obiettivo: scoprire se solo a me, compiuti due mesi di attesa, spunta già una panza bastarda che non entra più in nessun pantalone normale.

La memoria mi ha riportata alle festività natalizie di tredici e dieci anni fa, durante le quali, con foto di conferma, già indosso premaman. E i calcoli dicono che più o meno ero di tre mesi circa.

La bilancia non segnala aumenti di peso (negli altri due casi invece ero pure ingrassata)… dunque è una deformazione tipica del mio fisico.

Nel mio tour trovo altre future mamme con lo stesso problema e mi rincuoro un pochino, anche se in effetti a dare questo effetto temo sia solo la mia muscolatura addominale ridotta zero e l’intestino che si gonfia, elementi che in una donna non possono essere considerati “consolanti”.

Per non pensare a come diventerò quando la muscolatura avrà tirato anche l’ultimo respiro, butto l’occhio su altri discorsi: chi non dorme, chi non digerisce, chi ha le gambe gonfie, le voglie… ce n’è per tutti i gusti.

Infine, ecco qualcosa che non mi aspettavo: Un thread dedicato al chiama angeli per donne incinte. Posso io resistere? No.

gravidanza
Ed ecco che scopro la quasi assoluta necessità di avere in regalo questo delizioso ciondolo, pensato solo per chi aspetta un bambino: è un sonaglino a forma di palla, in argento, con un’incisione a forma di angioletto, che si porta al collo con una lunghissima catenina, in modo che il campanellino sbatta contro il pancione.

Il motivo per cui bisogna averlo non è molto chiaro: chiamare l’angelo custode del bimbo? Abituarlo alla campanella per quando andrà a scuola?

Sta di fatto che, ebbe sì, bisogna proprio averlo. Meglio se regalato.

A questo punto, scatta la ricerca in rete e trovo immagini dell’oggetto, scoprendo che il costo del ciondolo originale, quello pensato da un illustre design, è stratosferico, per una pallina in argento di quelle dimensioni.

Qualcuna, nel forum, suggerisce che il feto, ascoltando il suono delicato del ciondolo, impari a riconoscerlo e, di conseguenza, una volta nato si calmerà sentendolo, una sorta di riflesso incondizionato.

In effetti quando aspettavo mia figlia ascoltavo a tutto volume Queen e Beatles, nella speranza di aiutarla ad avere da grande un gusto musicale rock. I Beatles lei li ascolta ancora adesso, dunque… ha funzionato?

Ok, Ascolto sempre i Queen a tutto volume. Mi mettono allegria e ci vuole proprio.

In questa fase della mia vita gli ormoni mi devastano l’equilibro e piango per ogni cosa, ieri addirittura mi sono commossa per la pubblicità delle Marche, perchè c’erano le Winx.

Comincio a considerare che nel mio caso sarebbe più adeguato un campanaccio da mucca, un gadget rustico ma altrettanto efficace, vista la caduta di stile che da qui in poi accompagnerà la crescita delle mie dimensioni.

Quando mi sono accorta di lievitare ho dovuto riaprire lo scatolone in cui tenevo quelli che consideravo ormai “ricordi”: i vestiti premaman riposti dieci anni fa.

gravidanza maternità mamma mamme
A parte le misure tutte sbagliate (i mie figli sono nati in tarda primavera, questo arriverà in gennaio, se tutto andrà bene), ho provato un tuffo al cuore rivedendo quei cimeli. C’erano reggiseni che potrebbero fare da borse della spesa (in allattamento diventavo una bomba), abiti talmente larghi da starci dentro in due… oggi le future mamme che vedo in giro sono tutte avvolte in cosine aderenti, a volte con panza a vista. I modelli che ho io sono in stile Mamy di via col vento.

All’epoca ero giovane e potevo anche adattarmi (di comprato non c’era molto, erano tutti abiti passati da altre generazioni), ma adesso con quella roba lì sembrerei la nonna dei miei figli. Dovrò rimodernarmi.
Fra il materiale riposto ho trovato anche le panciere.

E quelle, mi toccherà indossarle, se continuo a gonfiarmi come la zia di Harry Potter. I modelli, per lo meno, erano tristi dieci anni fa e sono uguali adesso.

Ormai passo davanti ai negozi di intimo sospirando davanti a reggiseni e sottovestine sexy, che non mi scalavo già prima a comprare, da qui in poi saranno rigorosamente tabù.

La moda gravidanza, però, mantiene uno stile: ho visto che ci sono molti modelli di intimo che strizzano l’occhio a pizzi e colori vivaci. Solo che io, anche in passato, invece di comprare abbigliamento specifico, più costoso, finivo sul mercato al tuttouneuro taglie forti: la mutandona, la vestagliona. Insomma, quelle cose che le badanti comprano per i loro accuditi.

E così, la mia femminilità ha subito definitivamente lo scacco matto.

Pazienza.

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

3 commenti

  1. Fabrizio Valenza

    Ma quella nella foto è mami o sei tu? Xsplications, please 🙂

  2. Anche io grazie ad un forum su mamme incinta ho scoperto il ciondolo del richiamo degli angeli, la sfera in argento da portare sul pancione
    Mi è stato regalato da mia sorella come buon augurio per la mia prima gravidanza!

  3. E’ un oggetto affascinante… mi dicono che ha un suono molto particolare

Commenti chiusi