Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Condividi con

Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Mary Edmonia Lewis

Mary Edmonia Lewis – la vita

Mary Edmonia Lewis (4 Luglio 1844 – 17 settembre 1907) è stata una scultrice americana, ma ha lavorato per la maggior parte della sua carriera a Roma. Nonostante sia stata la prima donna afro americana e con origini nativo-americane a raggiungere un riconoscimento internazionale nel campo della scultura, qui in Italia, dove pure ha prodotto la maggior parte delle sue opere, è pressoché ignorata.

Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Colombo, 1865

Edmonia Lewis nacque nel 1844 a Greenbush, New York, ma dei suoi primi anni si sa poco: figlia di padre haitiano e di madre Mississauga Ojibwe (una popolazione di nativi americani del Nord America), rimase orfana in tenera età e fu accolta e cresciuta da parenti.

Fu un suo fratello maggiore a pagarle gli studi al Oberlin College, il primo college integrato in America, nel 1859, ma ebbe problemi a causa del razzismo e dovette lasciare gli studi.

Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Morte di Cleopatra

A Roma, dove si trasferì anche alla ricerca di un luogo dove non subire il peso delle differenze raziali, trovò un ambiente che l’accolse e che le permise di proseguire serenamente la prorpia istruzione.

Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Minnehaha

Mary Edmonia Lewis in Italia

Non è chiaro se fu la sua permanenza a Roma a convertirla al cattolicesimo o se furono i suoi parenti a formarla della fede, tuttavia la sua religiosità fu molto sentita e permeò le sue opere, insieme alle sofferenze patite per la mancata integrazione.

Nel 1871, ebbe modo di dire, in un’intervista: “Ho una forte simpatia per tutte le donne che hanno lottato e sofferto. Per questo motivo, la Vergine Maria mi è molto cara.”  

Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Hiawatha’s Marriage, Edmonia Lewis, 1871

Il suo lavoro, dunque, si è imposto all’attenzione della critica artistica per vari motivi: certamente la maestria con cui Edmonia Lewis plasmava la materia, ma anche per la profondità dei significati che rendevano uniche le sue sculture. Edmonia Lewis ha infatti saputo tematiche raziali a uno stile con richiami neoclassici, con richiami all’arte antica, inserendosi con grande originalità fra i grandi scultori della Storia.

La sua fama ha cominciato a crescere durante la Guerra Civile americana, dai primi anni ’60 dell’Ottocento, ma alla fine del XIX secolo era ancora l’unica donna di colore ad aver ricevuto riconoscimenti nel panorama artistico americano.

Mary Edmonia Lewis l’arte dimenticata di una grande donna

Indian Combat

Nel 2002, lo studioso Molefi Kete Asante ha inserito Edmonia Lewis nella sua lista dei 100 più grandi afroamericani.

Oggi le sue opere sono richiestissime dai collezionisti e sono presenti in prestigiosi musei.

http://aleteia.org/2017/02/01/edmonia-lewis-catholic-sculptor-subject-of-a-google-doodle/

https://en.wikipedia.org/wiki/Edmonia_Lewis

http://www.biography.com/people/edmonia-lewis-9381053

 

Immagini Wikimedia commons

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

I commenti sono chiusi