Il tè del venerdì con Elvira Mastrangelo

Condividi con

Il tè del venerdì con Elvira Mastrangelo

Si parla ancora di fantasy, questa settimana, con Elvira Mastrangelo, autrice di Drax – La Rinascita degli Haurrak. Scopriamo insieme questa scrittrice e il suo romanzo.

Ciao Elvira e benvenuta al tè del venerdì.

te del venerdì miss darcy

La prima domanda sempre personale, perciò comincio col chiederti delle tue passioni, oltre alla scrittura.

Scrittura e lettura: quali autori hanno influenzato maggiormente la scelta di scrivere fantasy? E quali altri generi ami?

Ciao e grazie per ospitarmi nel tuo salotto!

Credo che ad influenzare la mia predilezione per il fantasy e l’avventuroso sia stata mia madre, la quale da piccola, quando ancora non ero autonoma nella lettura, ogni sabato pomeriggio mi leggeva diversi libri, dalle fiabe classiche (che spesso non finivano così bene per i protagonisti) a Il Corsaro nero.

Sicuramente, però, il libro che ha segnato definitivamente la mia scelta è stato Eragon del Paolini. Avevo dodici anni quando lo lessi e mi innamorai subito del mondo che aveva descritto. Caso volle avessi più o meno la stessa età del ragazzo del romanzo che si scopre Cavaliere dei draghi, ed inutile dire che mi immedesimai del tutto.

Infine sono convinta che i miei studi classici abbiano incrementato maggiormente questa tendenza, infatti la parte che più mi incuriosiva della letteratura greca e latina erano i miti, quell’incrocio di fantasia e folklore che cerco di ricreare nei miei scritti.

Un altro genere che adoro è il fantascientifico, preferendo le storie in cui i protagonisti non sono del tutto personaggi positivi. Di questo genere proprio di recente ho letto Futu.re, incredibilmente fantastico.

elvira mastrangelo

Drax: La Rinascita degli Haurrak è un romanzo corposo, che ha richiesto molto impegno. Ci racconti com’è nato e come hai vissuto la stesura di quest’opera?

È nato, direi, in modo inaspettato: una notte feci un sogno abbastanza strano ed inquietante, tanto che mi svegliai di soprassalto. Non ricordavo nulla se non il volto di questa donna in parte sfigurato, e così decisi di scrivere un romanzo su di lei. E da qui nacque Nadia di Drax. Creare per lei una storia capace di darle tutte le caratteristiche che avevo immaginato non è stato facile.

Potevo vederla chiaramente nella mia mente, ma essendo il mio primo libro non era così naturale mettere per iscritto quello che per me era ovvio. In questo sono stati molto utili la corsa e la musica grazie ai quali mi sbloccavo lì dove incontravo un intoppo.

Mi sono dedicata del tutto al libro, trascorrendo l’inverno in reclusione totale, ma dopo sei mesi di gestazione intensi alla fine è nato.

Ero molto motivata e desiderosa di scrivere. Più scrivevo più mi sentivo soddisfatta.

La Guardiana dei Draghi e il Cristallo di Lunus

Creature incantate, magia, mondi paralleli: un fascino immortale, una moda, oppure un bisogno insito nell’uomo? Quali sono secondo te i motivi che portano a leggere (e scrivere) fantasy nel mondo di oggi?

Bé, escluderei subito una moda. Piuttosto direi che è un vero e proprio bisogno dell’uomo per distrarsi, ma anche per raccontarsi. Nell’antichità l’uomo non riusciva a spiegarsi tante cose con le sue nozioni sulla realtà e quindi faceva ricorso all’elemento mitologico. Spesso l’elemento fantastico si palesa nei racconti anche dei nostri nonni, se non vogliamo andare troppo indietro, come trasmissione di valori di un’epoca. È sempre stato presente e lo sarà sempre, anche nel futuro. Tutto quello che è fantascienza e riguarda la scoperta di nuovi mondi, nuove forme di vita, è fantasia per il momento, cosicché anche noi oggi usiamo il fantastico per spiegare qualcosa che non conosciamo, come gli antichi.

Ne abbiamo bisogno per segnare i confini oltre i quali non siamo disposti a spingerci e per dirci che poi infondo la realtà non è così male.

drago

Ci racconti qualcosa dei protagonisti di Drax: La Rinascita degli Haurrak?

Partiamo da Nadia. Lei è una vera bomba ad orologeria. Si è allontanata dalla sua famiglia, che poi ritrova in un momento in cui non avrebbe voluto, è a capo degli ultimi Haurrak, gli ultimi della sua specie, ma a differenza loro, il suo drago non era un uovo quando lei lo trova. È lui, infatti, a trovare lei. Un drago centenario, che invade la sua mente con i ricordi di una vita troppo lunga, squilibrando per sempre la sua stabilità. Appunto una sopravvissuta, non solo della sua razza, ma anche della vecchia se stessa.

Adelfo è il consigliere di Nadia, in bilico tra l’umano e i suoi istinti primordiali. È l’unico sposato con un’umana e faticherà a dividersi tra quello che era e quello che deve essere.

Tanaxa è senza dubbio una guerriera, decisa e determinata, la sua natura è feroce. Per lei ho immaginato un drago dalla pelle priva di squame, molto simile ad un mostro marino, in modo che la sua pelle viscida e compatta si equivalga al suo carattere.

Alexandro invece è il più piccolo, è solo un ragazzino e come tale vive, molto più spensierato dei suoi compagni, dedito alle ragazze e alle feste, quasi incosciente delle sue potenzialità.

Infine, Liberto è il personaggio che preferisco, dopo Nadia. Anche lui è molto duro e spigoloso, non accetta mezzi termini, non si tira indietro mai, aggiungerei che la sua lealtà verso Nadia e il loro progetto di ricostruire Drax è tangibile all’interno del libro.

Tutti loro sono destinati a tornare a casa, nella città dei loro avi, ma ognuno lo farà a modo proprio, condizionando inevitabilmente gli eventi.

La Guardiana dei Draghi e il Cristallo di Lunus

Progetti futuri?

Nei miei progetti futuri sicuramente c’è il secondo volume di Drax, già in lavorazione, e un libro fantasy che definirei interculturale e intercontinentale, ma di cui al momento non dico altro in quanto ancora non è concluso.

 

E infine, Miss Darcy impone la sua domanda di rito: come prendi il tè?

Sempre verde, senza latte né miele né zucchero, e accompagnato da paste secche al cioccolato, le mie preferite.

 

Grazie per essere stata con noi!

Nulla di ciò che è esistito esisterà ancora…

Presentazione del romanzo

Drax – La Rinascita degli Haurrak è un romanzo fantasy ambientato nella terra di Dromos dove razze
umane e magiche vivono in un equilibrio molto delicato che presto verrà violentemente scosso
dall’attacco dello Stregone e dalla rinascita del popolo degli Haurrak, le uniche creature in grado di
vivere in simbiosi con i possenti draghi condividendone gli immensi doni.

L’autrice Elvira Mastrangelo coinvolge da subito il lettore con una storia che appassiona già dai primi
capitoli. La sua abilità nella descrizione delle ambientazioni e la sua attenzione per i dettagli rendono la
narrazione unica dando al lettore la sensazione di vedere e quasi di toccare quei mistici luoghi.

La caratterizzazione in crescendo dei personaggi permette di avvicinarsi passo passo ai protagonisti,
imparando a conoscerli, a comprendere le loro scelte, ad amarli o a temerli portandoci a riflettere in
modo approfondito ed intelligente sul concetto di giusto e sbagliato, mostrandoci che molte volte
l’interpretazione di una scelta dipende solo dal punto di vista da cui la si guarda.

Drax – La Rinascita degli Haurrak è un libro pubblicato da Inspired Digital Publishing. Potete trovarlo
nei formati eBook, ePub e Mobi in tutti gli store digitali consultabili dal vostro smartphone, tablet, ereader,
Mac e Pc.

http://amzn.to/2F9Z45K

Sinossi

Gli Haurrak sono tornati, rinati da ciò che restava delle loro ceneri. Una razza potente e primitiva,
selvaggia e indomabile, gli unici in grado di vivere in simbiosi con i maestosi draghi, perseguitati e
sterminati nel corso della Grande Guerra.

Ora, sovrastano il cielo della città umana di Als, nel suo giorno più buio in cui è assediata
ferocemente dall’immenso esercito dello Stregone, riuscendo a salvare gli abitanti da morte certa.

Desiderosi di ricostruire la loro stirpe gli Haurrak, fanno ritorno a Drax l’antica roccaforte dei draghi,
ma l’inimicizia degli uomini schiavizzati in passato dalle razze magiche e l’ostilità dello Stregone li
seguirà fin dentro le mura della loro città.

Tra vecchi amori, nuove consapevolezze, giochi di potere, lotte personali e desiderio di rivalsa, lo
scontro è all’orizzonte e le diverse popolazioni iniziano a schierarsi influenzando drasticamente
l’equilibrio del mondo. Nulla di ciò che è esistito esisterà ancora.

 

Biografia

Elvira Mastrangelo nasce nel 1990 a Battipaglia, una città nella provincia di Salerno. Studia per
conseguire una laurea in Filologia, Letterature e Storia dell’antichità, in seguito ad una maturità classica.

Dopo un girovagare attraverso l’Italia e alcuni mesi a Londra, decide di tornare per provare a
realizzare il sogno che l’accompagna sin da bambina, quando a soli 11 anni scriveva racconti e già
adorava il genere fantasy e horror: diventare una scrittrice.

Attualmente insegna italiano e latino, gestisce il blog LettereRumorose (e l’omonima pagina di
Facebook) e recentemente ha autopubblicato “Di luce e di ombre”.

Da un sogno lungo e incredibile, duro lavoro e voglia di mettersi in gioco, nasce l’idea di “Drax: La
rinascita degli Haurrak”.

 

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

I commenti sono chiusi