Annarita Petrino: il tè del venerdì

Condividi con

Annarita Petrino: il tè del venerdì

tè del venerdì

Torna la fantascienza nel salotto di Miss Darcy, con un’ospite che abbiamo già avuto il piacere di conoscere per Parole d’Autore, Annarita Petrino.

Nel precedente appuntamento Annarita ci ha presentato il suo racconto “Cristoforo”, appartenente alla raccolta “Racconti nascosti nei sogni”, un’antologia di genere fantascienza cristiana. Un genere forse poco conosciuto, ma dalle grandi potenzialità, come ci illustrerà l’autrice di “Racconti nascosti nei sogni” e “You God”.

Ora lascio la parola ad Annarita, ringraziandola per essere qui con noi nel salotto di Miss Darcy.

Come prima cosa chiedo sempre ai miei ospiti di raccontare qualcosa di sé: come sei approdata alla scrittura? Che cosa ti ha portata a scegliere la fantascienza e in particolare quella cristiana?

annarita petrino racconti nascosti nei sogniGrazie per l’ospitalità cara Antonia. Quando mi pongono questa domanda non so mai quale sia la risposta giusta, ossia se sia stata io a scegliere la fantascienza o il contrario, perché il nostro è stato un incontro inaspettato e, lo ammetto, amore a prima vista. Avevo dodici anni o poco più quando ho letto il mio primo libro di Isaac Asimov “Destinazione cervello”.

Poi sono passata al Ciclo dei Robot e ne sono rimasta così colpita che, a un certo punto, ho deciso di scrivere le mie prime avventure nello spazio. Io, mia sorella e le mie amiche eravamo le protagoniste… Bei ricordi!

Non ho più smesso di scrivere e, crescendo, la mia scrittura è maturata. Sono passata per la fase oscura del cyberpunk, ma la vera svolta l’ho avuta nel 2006 grazie a una esperienza spirituale molto forte e a un pellegrinaggio a Medjugorje che mi hanno fatto riscoprire la mia fede.

Avendo sempre scritto fantascienza, mi sono ritrovata nella situazione di non riuscire più a farlo perché sembrava non conciliarsi con la mia fede. Da qui è nata l’esigenza di trovare una sorta di compromesso tra le due sfere della mia vita. Così è nata la fantascienza cristiana, che io trovo davvero interessante, perché mi permette di parlare dei futuri che andiamo costruendo con le nostre scelte o con le nostre mancate prese di posizioni.

 

Nelle tue opere prediligi la narrativa breve: sia Racconti nascosti nei sogni che You God, sono raccolte di racconti. Come mai questa scelta? Pensi anche a cimentarti in un romanzo, oppure senti più tua e più efficace questa formula?

You God, altra opera di Annarita Petrino.

You God, altra opera di Annarita Petrino.

La tua domanda arriva proprio al momento giusto, perché in questi giorni è in uscita il mio terzo libro “Immateria, al di là della Matrice” che, a differenza degli altri due, è un romanzo breve. All’inizio la fantascienza cristiana ha trovato la sua modalità di espressione in racconti brevi e brevissimo che le hanno permesso di lanciare messaggi molto chiari e di suscitare riflessioni e domande oggi necessarie. Ma sentivo l’esigenza di andare oltre e l’ho fatto con questo terzo libro che porta a confrontarsi con la vita dopo la morte e con altri temi.

 

La fantascienza cristiana sembra difficile da far apprezzare in un mondo come il nostro, invece le tue raccolte hanno raccolto consensi positivi e sono state apprezzate da pubblico e critica. Quali sono state le difficoltà in questa scelta e quali secondo te i punti di forza che hanno maggior presa sui tuoi lettori?

Non solo sono state apprezzate le raccolte, ma anche i racconti che scrivo per partecipare ai concorsi. Il genere è sempre lo stesso, eppure vengono selezionati e inseriti in antologie. Di recente uno, “Culturart“, ha vinto il primo premio nel concorso “Il Faro” della città di Teramo. L’ho messo online sul blog per chi desiderasse leggerlo. Le difficoltà sono state molte, ho incontrato chiusura e pregiudizio, cosa che un po’ mi fa sorridere, poiché sento spesso attribuire questi due aspetti proprio alla religione cattolica. Invece solo perché tra i vari aspetti dei miei racconti c’era anche quello religioso, molti si sono rifiutati di leggerli o di segnalarli.

Si può parlare di discriminazione? A mio avviso si, tanto per far capire che la discriminazione non riguarda le solite categorie.

Il genere incuriosisce, questo è sicuramente uno dei punti di forza e induce a riflettere su aspetti della realtà che non si possono ignorare. Quello che piace, secondo me, è il fatto di raccontare di alcune vicende reali, condendo il tutto con fede e fantascienza.

In Racconti nascosti nei sogni affronti temi complessi: da dove trai l’ispirazione per le tue storie? Quale messaggio vuoi trasmettere ai lettori?

Si, i temi sono molto attuali. Parliamo di eutanasia, di eugenetica, di fecondazione assistita ecc. L’ispirazione è tutta intorno a me, basta leggere e guardare i notiziari per accorgersi che molte situazioni, oggi, sono molto vicine alla fantascienza. Quest’ultima dunque permette di narrare il reale, anche nei suoi risvolti più bui. Il messaggio che mi interessa dare è questo: svegliamoci! Perché su tanti temi fondamentali ci siamo addormentati!

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Il mio terzo libro “Immateria, al di là della Matrice” che uscirà a breve e che segnerà la consacrazione del genere fantascienza cristiana. Mi impegnerò a farlo conoscere, perché dentro ci sono molti temi con i quali vale la pena confrontarsi. Spero che vorrai ospitarne la segnalazione.

 E la domanda finale di rito: come lo prendi il tè?

Abbia pazienza cara Antonia, ma il tè proprio non mi piace… Nè caldo, nè freddo. :))))

Grazie Annarita per essere stata con noi!

Annarita Petrino

annarita petrino

Annarita Petrino

Annarita Petrino nata il 18/08/1977 a Giulianova (TE), laureata in Lingue è insegnante di scuola dell’infanzia.

Attualmente membro dell’Associazione World SF Italia e della Dedalus Studi di Teramo scrive fantascienza da quando aveva 13 anni, cioè da quando ha incontrato Isaac Asimov e i suoi libri, meglio dire i suoi robot!

Da allora ha pubblicato diversi racconti su riviste di fantascienza, webzine e siti. Ha passato diverso tempo a cercare di coniugare la sua passione per la fantascienza con la propria fede, giungendo infine a una sintesi: una fantascienza in grado di rispondere alle provocazioni lanciate dalla fantascienza tradizionale, dove troviamo spesso scenari in cui Dio risulta assente o viene incarnato da nuove forme di religione, di solito collegate a nuove culture, a nuove razze (aliene) o a nuovi assetti sociali e governativi. Si tratta di un accostamento alquanto ardito, ma è in questo modo che nascono le sue due raccolte, che si distinguono per lo stile inedito con cui affrontano temi attuali e scottanti come quelli dell’eugenetica.

“Racconti nascosti nei sogni”

annarita petrino racconti nascosti nei sogni

I nove racconti di questa raccolta sono quelli nascosti nei sogni senza Dio di un’umanità ormai alla deriva, che trova nella fede l’ultimo appiglio che le impedisce di rinunciare completamente a se stessa. Nove racconti di fantascienza ma anche di vita reale che, attraverso le vicende dei protagonisti umani e non, in futuri più o meno possibili, raccontano il dramma di alcune situazioni che affondano le radici nel nostro presente. Uno sguardo lungo della fantascienza sui sogni di onnipotenza dell’uomo.

Apre la raccolta un racconto brevissimo “Cristoforo” finalista al Match D’Autore di Montesilvano scrive 2014, dove il destino dell’umanità si gioca all’interno di un dialogo muto tra un uomo e un robot telepatico.

Seguono due racconti lunghi:

Non quando esso vive” finalista al concorso Amore e Morte indetto da Il Mondo dello Scrittore Network in collaborazione con Edizioni Esordienti Ebook tratta il controverso tema dell’eutanasia. In un futuro in cui ai pazienti in coma è assegnato un ologramma che esprime la volontà di morire, staccando la spina, il vero amore lotta per vincere sulla logica del relativismo.

La stessa medaglia” finalista al Concorso Omero indetto dalla casa editrice Il Papavero e al concorso N.A.S.F. 10, dedicato a non vedenti e ipovedenti, narra di una temporanea cecità della protagonista che, tornando a vedere, scopre che la realtà che la circonda ha sempre avuto due facce.

Si prosegue con racconti molto brevi che di volta in volta hanno partecipato a contest letterari organizzati dal blog Il Mondo dello scrittore.

Pinocchio” una favola 2.0 in cui il famoso burattino di Collodi si presta a dare voce a tutti quei bambini ottenuti per “diritto al figlio” dei genitori.

Nascosto nei sogni” è la speranza di un’umanità che ha rinunciato a se stessa in nome di una folle, quanto insensata, ricerca di Dio.

Il suono di quelle campane” è la storia di un’assenza e di un cuore spezzato in bilico tra la rete, la sua solitudine e la sua offerta di eternità e il nostalgico suono delle campane di una chiesa.

Ariadne” è un omaggio a quanti sono scomparsi prematuramente e al nostro desiderio di poterli riavere qui con noi.

Minosse” è un robot giudice di vite ormai considerate inutili e non più degne di essere vissute.

Le luci delle Strade” un racconto di Natale dedicato a tutte le spose in attesa di maternità.

Nove racconti che spezzettano la modernità e la dipingono quale essa appare, pur continuando a sollevare interrogativi a cui è necessario dare una risposta.

In vendita su Amazon in formato Kindle al prezzo di 1 eurohttp://www.amazon.it/Racconti-nascosti-sogni-Annarita-Petrino-ebook/dp/B00XNQUJMC/

In versione cartacea in vendita sul sito dell’editore 

http://www.edizioniilpapavero.it

e sulle principali librerie online

Amazon:  http://www.amazon.it/Racconti-nascosti-sogni-Annarita-Petrino/dp/8898987404/

IBS: http://www.ibs.it/code/9788898987405/petrino-annarita/racconti-nascosti-nei-sogni.html

You God 

You God, altra opera di Annarita Petrino.

You God, altra opera di Annarita Petrino.

“You God” è una raccolta di racconti di fantascienza cristiana pubblicata nel novembre 2013 dalle Edizioni Il Papavero http://www.edizioniilpapavero.it

I racconti contenuti nella raccolta sono quattro:

You God – tratta il tema della vita dopo la morte e dell’autodeterminazione dell’uomo nello spazio di un racconto brevissimo.

Imperfezioni – dal respiro decisamente più lungo tratta il tema della disabilità e della ricerca della perfezione sia genetica che fisica.

Judy Bow – affronta il controverso tema dell’eutanasia da un punto di vista diverso dal solito.

Hic et Nunc – alternando brani tratti dall’apocalisse a scene di vita drammaticamente attuali, si svolge il viaggio a ritroso di un capitano viaggiatore nel tempo.

La raccolta ha conquistato il secondo posto e menzione speciale della Giuria al Premio Contemporanea D’Autore 2013 di Alexandria Scriptori Festival e il Premio del Presidente al Premio “Tra le Parole e l’Infinito”.

Book trailer – https://m.youtube.com/watch?v=gLtylezCG2g&feature=youtu.be

Recensioni:

Blog Not facts only Wods! http://notfactsonlywords.blogspot.it/2015/02/you-god-quattro-racconti-di-annarita.html

Blog Liberi di scrivere:

https://liberidiscrivereblog.wordpress.com/2014/09/11/you-god-annarita-petrino-il-papavero-2014/

Il libro può essere ordinato presso il sito dell’editore o sulle principali librerie online: IBS, Mondadori, Feltrinelli.

È in vendita presso la libreria Rio Bo di Silvi Marina (TE).

Roberto Baldini – salotto letterario:

http://scrivoleggo.blogspot.it/2015/02/racconti-nascosti-nei-sogni-di-annarita.html

Roberta De Tomi – blog Words! Not facts, only words!

http://notfactsonlywords.blogspot.it/2015/02/racconti-nascosti-nei-sogni-nove.html

Profilo Facebook: Annarita Stella Petrino

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/You-God-458385864280562/

Blog: http://yougodsite.wordpress.com

About Antonia Romagnoli

Antonia Romagnoli è autrice di romanzi rosa storici, fantasy e opere per l'infanzia. Fra le sue opere: "La dama in grigio", regency romance, la "Saga delle Terre", trilogia fantasy.

I commenti sono chiusi